Visure utili per la verifica di ipoteche o gravami su immobili

« Torna alla pagina principale delle visure catastali on line

In molti casi si ha l'esigenza di verificare eventuali vincoli, gravami, ipoteche, pignoramenti, o altri diritti vantati da terzi su un determinato immobile.
Accade ad esempio quando dobbiamo acquistare un immobile e vogliamo controllare che non sussistano ipoteche o vincoli, oppure quando dobbiamo verificare lo stato o la cancellazione di un gravame o ipoteca a noi nota su un nostro immobile.

Quali visure richiedere:

VISURA IPOTECARIA ON LINE    Acquisto visura Richiedi Visura Ipotecaria on line

VISURA IPOTECARIA CARTACEA (certificato)

Se conosciamo la data dell'ipoteca o del gravame che si vuole controllare, e questo è avvenuto negli ultimi 20 anni, sarà sufficiente in molti casi una visura ipotecaria on line, ma se non si hanno informazioni a riguardo e si vuole verificare qualsiasi gravame, anche molto datato, sarà necessaria una visura ipotecaria cartacea presso lo sportello della conservatoria (Agenzia Del Territorio). Solo in questo modo si potranno visionare anche eventuali atti cartacei non informatizzati e quindi reperibili solo tramite una ispezione manuale da parte dell'impiegato della conservatoria.

VISURA CATASTALE     Ordina visura Richiedi Visura Catastale on line

Nonostante non riguardi le ipoteche e i gravami classici, anche il catasto può fornire informazioni utili a rintracciare eventuali gravami e diritti vantati da terzi.
La visura catastale, soprattutto se storica, o se effettuata sul nominativo del proprietario, e' inoltre utile per appurare con esattezza i dati catastali odierni dell'immobile, che potrebbero differire da quelli presenti nell'atto di acquisto a causa di successivi riaccatastamenti. In questi casi conviene sicuramente ottenere una visura ipotecaria sia con i nuovi che con i vecchi estremi catastali.

PIGNORAMENTI

Sebbene succeda in casi molto isolati, è importante sapere che alcuni pignoramenti in passato potrebbero essere stati registrati solo presso il tribunale che ha emesso l'ordinanza e non trascritti in conservatoria, o trascritti in modo errato o parziale. E' quindi sempre consigliabile appoggiarsi ad un professionista (es. notaio) che saprà offrire adeguate garanzie ed esperienza in merito ad ogni verifica del caso, anche in base all'età dell'immobile.