Discussione: A chi pagare le spese?

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Andcar75
Utente registrato
15/10/2008
11:26:19
Buongiorno,

Nel mio condominio si vive una situazione un pò strana.

Ad aprile 2008 l’amministratore ha convocato un’assemblea per:

1) Approvazione consuntivo 2007;
2) Approvazione bilancio 2008;
3) Nomina amministratore (essendo il mandato in scadenza).

Nessuno dei 3 punti dell’ordine è stato raggiunto, i primi due per voto contrario dell’assemblea, l’ultimo per mancanza di tempo (l’amministratore se ne è andato perchè scocciato della non approvazione dei due punti precedenti e si era già fatto molto tardi).

A fine giugno i condomini hanno raccolto le firme per chiedere all’amministratore una nuova riunione, al fine di riesaminare i 3 punti di cui sopra.
Scaduti i termini per la convocazione dell’assemblea da parte dell’amministratore, i condomini hanno convocato autonomamente un’assemblea per il 25 giugno per nominare un nuovo amministratore e cosi è stato fatto.
Entro 30 giorni dall’assemblea, un condomino ha impugnato la delibera (come suo diritto) ritenendo non valida l’assemblea perchè sostiene di non essere stato informato.
Morale: analisi del ricorso del condomino il 19 dicembre.

A prescindere dalla correttezza o meno del ricorso, per quel poco che ne so, le delibere dell’assemblea sono comunque valide fino alla sentenza sul ricorso stesso, quindi il vecchio amministratore dovrebbe consegnare documentazione a quello nuovo.
In realtà cosi non è stato, il vecchio amministratore rifiuta di consegnare i documenti per la gestione con la conseguenza che le bollette, domiciliate ancora sul conto del condominio gestito dal vecchio amministratore, rischiano di non essere pagate.

Il nuovo amministratore nel contempo ha aperto un nuovo conto intestato al condominio e sta cercando di fare domiciliare le bollette su questo nuovo conto.

Ora, noi ci troviamo con 2 amministratori che ci chiedono di pagare le spese condominiali, pena decreto ingiuntivo.

In conclusione le mie domande sono:

1) A chi devo pagare le spese?
2) Cosa rischio se non le pago a nessuno dei due, non sapendo di fatto a chi pagarle? (sottolineo che noi abbiamo sempre pagato puntualmente tutte le spese sino a giugno 2008, cioè sino a quando è cominciata questa strana situazione)
3) Mi pare di capire che l’amministratore in torto è quello vecchio e non consegnando la documentazione commette una grave scorrettezza. Quindi, nel caso in cui ci dovessero tagliare le utenze, posso fargli causa civile? Ci sono i termini anche per una causa penale, visto che rischio di dover far fare a mia moglie in cinta otto piani a piedi o comunque di portare avanti una gravidanza in condizioni disagiate a causa sua? Che possibilità di successo ho?



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10191 interventi
16/10/2008 00:08:18
Ne abbiamo gia parlato nel forum, questa situazione non è certo "esclusiva".

Mancano comunque informazioni per darti un aiuto preciso.

Ad esempio, chi ha attivato e detiene tutt'ora il C.F. del condominio?

Per quale motivo non sono stati approvati i bilanci, c'erano forse dubbi sull'operato contabile dell'amministratore?

Rispondi


Andcar75

Utente semplice
1 interventi
16/10/2008 12:41:47
Innanzitutto ho comemsso un errore, non sono stati approvati nè i consuntivi del 2007 nè il preventivo (e non bilancio) del 2008.
La non approvazione deriva sostanzialmente da dubbi sull'operato dell'amministratore.

Per quanto riguarda il codice fiscale, non lo so.
Suppongo sia stato attivato dal primissimo amministratore (il precedente ai 2 che abbiamo ora), ma non so chi lo detenga (onestamente non so cosa significhe "detenere" il Codice fiscale del condominio, scusate l'ignoranza).

Infine, dove posso trovare nel forum i casi analoghi di cui parlate?

Rispondi


claistron

Staff
10191 interventi
16/10/2008 23:37:31
Il consiglio in questo caso è quello di istituire un "fondo comune" nel quale i condómini verseranno le cifre necessarie affinché il nuovo amministratore possa pagare almeno le bollette, prima di farsi staccare i servizi.

Quando il problema dei due amministratori verrà risolto (magari giudizialmente) si provvederà a fare i conteggi relativi alla restituzione del fondo ed al pagamento corretto in base ai millesimi.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
sostituzione cassetta del water: a chi spettano le spese?
richiesta di non pagare l'ascensore
rete di recinzione: chi deve pagare la riparazione/ricostruzione?
incinta con un affitto da pagare e inquilini morosi a casa "mia"
lavori non ancora ultimati: è obbligatorio pagare ultima rata?
il condominio vittima di un errore palese deve pagare ugualmente?
pagare albergo e affitto con casa inagibile, è giusto??
i magazzini devono pagare la quota mensile all'amministratore?
contatore enel a chi tocca pagare?
decreto ingiuntivo: posso ovviare senza aggravio di spese??
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading