Discussione: servitù di passaggio acqua fognaria immobili altrui

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
12/02/2008
18:31:48
Vorrei porre un piccolo quesito:

Circa vent'anni fa ho acquistato un'area edificabile sopra un garage al piano terra.
In fase di lavori è stato deciso di comune accordo con il primo proprietario di utilizzare la fognatura del garage per l'utilizzo del bagno a primo piano.
Tale tubazione esce dalla soffitta del primo piano e incassandosi nel muro del garage si collega con la tubazione esistente del garage.
Il nuovo proprietario del garage si lamenta di tale situazione.
Mi chiedo se essendo passati vent'anni posso pretendere di non tolgiere la tubazione acuisendo la servitù "apparente" senza ricorrere al giudice.
Nel rispondere a questo quesito prego inviare e-mail se possibile al seguente indirizzo: salvom(chiocciola)email.it.
Grazie a tutti.




Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10191 interventi
12/02/2008 20:59:19
Non rispondiamo via email, lo facciamo qui direttamente.

Sarebbe stato opportuno mettere per iscritto il permesso originario concesso.

Se sono passati vent'anni dovresti stare tranquillo, in caso di ricorso del proprietario inferiore, potrai far valere il diritto all'usucapione di fatto davanti al giudice.

È solo da ricordare che il "diritto" all'usucapione deve essere sancito da un giudice dietro richiesta dell'avente diritto.

Abbiamo in archivio precise sentenze che possono aiutare la tua situazione, collegati qui:

http://www.overlex.com/condominio_consulenza.asp

Rispondi


giuppy1975

Utente semplice
1 interventi
11/09/2008 22:23:09
Salve anch'io ho un quesito molto simile.
Il tubo fognario di un abitazione neppure confinante, passa proprio sotto il mio garage.
Il proprietario sta ristrutturando questa casa di cui, al momento ,rimangono solo i muri esterni.
Potrebbe allacciarsi direttamente e autonomamente alla condotta fognaria pubblica , senza più passare sotto il garage ; tuttavia vantando una servitu, che peraltro è contenuta nell'atto di acquisto del garage, si rifiuta.
E' possibile liberare il garage da questa servitù dato che non è necessaria e indispensabile?
Porei chiedere in alternativa un risarcimento mensile?
Grazie
saluti allo sfaff

Rispondi


claistron

Staff
10191 interventi
12/09/2008 21:25:39
Basta leggere il Codice.

Si può chiedere l'estinzione di una servitù quando l'avente diritto ha altri mezzi per raggiungere lo stesso scopo perchè la situazione è cambiata.

Devi essere tu però a chiederlo con l'assistenza di un professionista che ne dimostri la possibilità oggettiva.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
rete fognaria orizzontale
servitù di passo coattiva per usucapione
diritto di passaggio in casa per accedere ad un lastrico solare
costi per esecuzione immobiliare
passaggio tubatura gas del vicino nell'immobile da acquistare
spese acqua condominiale in caso di appartamento disabitato
infiltrazioni d’acqua dal tetto condominiale
problema perdita d'acqua
infiltrazioni d'acqua
servitu' di passaggio e art.1102
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading