Discussione: QUESITO MOLTO COMPLESSO: posso recedere dal contratto enel a nome mio che fornisce luce alla scala c

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
18/08/2007
10:23:37
Ho un quesito molto complesso da porvi. Io sono comproprietario di un edificio composto da tre appartamenti abitati rispettivamente da me e dai due miei fratelli. In questo edificio ognuno di noi ha il proprio contratto enel per la fornitura di energia al proprio appartamento. Per ciò che riguarda la fornitura di energia all'esterno, alle scale ed al motorino di pompaggio dell'acqua il contratto con l'enel è a nome mio. Per tale motivo io ho sempre pagato in prima persona le bollette e poi abbiamo provveduto a dividere l'impoto in tre. Da un pò di tempo, temerariamente, i due miei fratelli non mi hanno più corrisposto le loro quote. Ora mi chiedo posso io recedere dal contratto a nome mio pur se esso serve a fornire elettricità alla scala ed al motorino dell'acqua comune? Sostanzialmente così facendo essi rimarrebbero senza acqua nei loro appartamenti e luce nelle scale. LA situazione è complessa poichè si tratta non di un condominio ma di un immobile in comproprietà e la cosa potrebbe essere un pò diversa.undefined



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10215 interventi
18/08/2007 20:08:24
Ti ho gia risposto in altra sede.
Confermo quanto ti ho gia detto: C.F del condominio (gratuito), intestazione della bolletta al condominio col suo C.F. ecc.

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
19/08/2007 09:55:40
purtroppo non si tratta di un condominio ma di un edificio in comproprietà. Per essere condominio di edifici è necessario che per ogni appartamento vi siano proprietari diversi. Il mio dubbio fondamentale è se recedendo dal contratto enel a nome mio posso essere citato per danni dagli altri comproprietari. uello che mi consola, comunque, è che non trovo nessina legge o princiopio giuridico che mi costringa a mantenere a vita un contratto a nome mio dal quale voglio recedre e come incatenato non posso

Rispondi


claistron

Staff
10215 interventi
19/08/2007 13:19:57
Sei libero di prendere ogni personale iniziativa.

È solo il caso di ricordarti che per il Codice, il condominio esiste quando vi siano anche solo due proprietari che utilizzino cose comuni.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
riparto costi per installazioni impianto citofonico
installazione citofono cancello condominiale
validità contratto di locazione non prorogato.
ripartizione spesa installazione nuovo autoclave.
responsabilità amm. su stipula contratto di appalto
problemi causati dalla canna fumaria
registrazione contratto di comodato?
palo della luce in una proprietà privata
sottrazione alla azione legale
cambiare motivo di recesso di contratto affitto
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading