Discussione: Nuda proprietà e nuovo aquisto

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
24/03/2007
20:54:32
Buona sera
Anni fa ho donato a mia figlia, come nuda proprietà, il 50% dell'alloggio in cui abito, riservandomi però l'usufrutto sulla parte donata.
Ora però mia figlia con suo marito, stanno per aquistare, in comproprietà, una villetta.
Ora la domanda è, può mia figlia, (avendo il 50% di nuda proprità dell'alloggio dove abito io), usufruire delle detrazioni come prima casa?
Se no, affinchè sia possibile cosa si deve fare?
E' sufficente che mi riprenda la nuda proprietà?
Se no cosa mi consiglia di fare?

Sperando di essere stato sufficentemente chiaro la ringrazio per la risposta e, cordialmente la saluto.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10230 interventi
25/03/2007 01:10:52
La soluzione migliore sarebbe una "donazione".

Fatta tra parenti di primo grado non costa molto in termini finanziari e libera la figlia dal vincolo del possesso dell'abitazione attuale.

Leggi qui la circolare in merito:

http://www.condomini.altervista.org/PrimaCasa.htm

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
25/03/2007 13:55:33
Grazie per avermi risposto.
Sono stato pasticcione e poco chiaro nell'esporre la domanda e, me ne scuso.
Mia figlia non abita in casa con me, ma in un'altra città, che è poi la stessa dove in comunione col marito intendono acquistare casa.

Da quel che mi pare di aver capito, leggendo la circolare, in questo caso è ancora possibile fruire delle detrazioni "prima casa" senza privarsi della nuda proprità.
Mi puoi confermare se ho capito bene?
Se poi devo riprendermi la nuda proprità, pazienza lo farò.

Grazie ancora per la risposta.


Rispondi


claistron

Staff
10230 interventi
25/03/2007 21:20:30
Hai letto correttamente, se la "prima casa da acquistare" si trova in un comune diverso da quello dove si possiede l'attuale immobile (ad esempio dove si risiede o si lavora) le agevolazioni spettano, a patto che non si sia gia usufruito delle agevolazioni sull'immobile precedente, in questo caso sarà necessario alienarlo.

Nella circolare è tutto esposto im modo semplice e chiaro.


Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
ripartizione spesa installazione nuovo autoclave.
inserimento nuovo punto all'odg
attribuzione spese conricione sotto-stante la proprietà
palo della luce in una proprietà privata
vendita 50% proprietà indivisa
"catturato" da un nuovo condominio
assemblea andata deserta per nomina nuovo amministratore
lavori su terrazzo di proprietà esclusiva
ripartizione spese riparazione infiltrazioni terrazza di proprietà e uso esclusivo per cene e feste
nuovo regolamento sulla privacy
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading