Discussione: Perizia termotecnica contestata

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
22/03/2007
16:28:06
Abito in un condominio costruito negli anni 70 da una societa' di cui ero socio per un terzo.
Durante la costruzione ho fatto realizzare, solo per il mio alloggio, una soluzione per il riscaldamento di tipo misto.
Ovvero l'anello di tubazioni che alimenta i miei radiatori e' collegato all'impianto centralizzato con da due rubinetti che mi consentono di staccare il mio alloggio dal centralizzato e di scaldarlo con calderina a gas in modo autonomo.
Questo per poter riscaldare la mia abitazione anche in caso di quasto al centralizzato o per mancanza del gasolio.
Per oltre 30 anni ho dovuto usare le bombole GPL, ora il comune ha portato il metano e quindi ho deciso il distacco unilaterale dal centarlizzato.
Diciamo nessun problema per il distacco ma e' sorto un problema con la perizia che ho inviato all'amministratore in allegato alla mia comunicazione di distacco.
Per la perizia termotecnica mi sono rivolto ad uno studio ingegneristico specializzato in impianti di riscaldamento.
Non potendo fisicamente, salvo demolire il pavimento ed i muri perimetrali, verificare il percorso sottopavimento delle tubazioni ed il materiale usato per l'isolamento dei muri perimetrali,l'ingegnere ha utilizzato le mie indicazioni per la stesura della perizia ("Il signor XY,costruttore dell'immobile, dichiara....").
Preciso che sono pronto a sostenere sotto giuramento quanto indicato da me al perito e che sono disponibile a sostenere tutte le spese necessarie alla demolizione ed alla ricostruzione nel caso non vi fosse corrispondenza con quanto da me dichiarato.
L'amministratore dopo aver richiesto una consulenza scritta sulla mia perizia, asserisce che, toccando a me l'onere della prova, non puo' essere ritenuta sufficente in quanto basata in parte su mie dichiarazioni.
Vorrei sapere esiste la possibilita' di far considerare legalmente valide le mie dichiarazioni, sotto la mia responsabilita' civile e penale..



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10151 interventi
22/03/2007 18:40:24
La perizia tecnica deve dimostrare solo che non ci sarà aggravio di spesa per gli altri partecipanti e non creerà squilibri di funzionamento all'impianto centralizzato, non deve entrare nel merito degli impianti della tua unità immobiliare.

Il condominio può comunque esigere ugualmente un concorso alle spese di esercizio (30% di solito) in quanto la tua unità immobiliare riceve comunque calore

La legge è chiarissima su questo argomento.

Ecco i riferimenti giurisprudenziali:

http://www.condomini.altervista.org/RiscaldamentoDistacco.htm

http://www.condomini.altervista.org/RiscaldMaggiorSemplice.htm

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
22/03/2007 19:00:10
Solo per aggiungere precisazioni che avrei dovuto fare nel primo post.

Per determinare quanto residuo calore ricevo dal riscaldamento centralizzato, l'ingegnere ha dovuto necessariamente, dice lui, entrare in merito al calcoro delle dispersioni e dell'impianto esistente.
Il condominio ha commissionato una controperizia ove conferma sostanzialmente la percentuale di calore condominiale da me "ricevuto" (10% contro il 7% da noi dichiarato), quindi nessun problema sotto quest'aspetto.
Anche la controperizia conferma che non c'e' aggravio di spesa per gli altri condomini e che non si creano squilibri nell'impianto.
Per superare le dichiarazioni abbiamo fatto una prova tecnica che le conferma in pieno.
Quando le perizie di parte sono serie, le controperizie si discostano di poco.
Pero' il legale dell'amministratore, che soffia sempre sul fuoco per ogni cosa, sostiene per iscritto che la perizia non deve appoggiarsi a dichiarazioni di persone se non del perito.
Quindi non deve essere ritenuta valida la mia perizia e quindi neanche la controperizia.
Dice anche che l'unica strada che ho e' di impugnare alla prossima assemblea, il bilancio consuntivo e di far decidere al giudice.

Credo che vendero', non ne posso piu' di essere vessato dal legale dell'amministratore.





Rispondi


claistron

Staff
10151 interventi
22/03/2007 20:02:31
Io ti ho dato anche i riferimenti giurisprudenziali.

Quando si fornisce la documentazione periziale al condominio sarebbe opportuno allegare anche queste.

Il legale non è il "padrone" del condominio, solo l'assemblea può decidere in merito.
L'amministratore, in proprio, non può prendere nessuna decisione in merito.

L'assemblea sola potraà decidere in merito e se la tua richiesta viene supportata dai riferimenti giurisprudenziali, non so quanti condómini accetteranno di andare in giudizio per una causa probabilmente per loro persa in partenza.

Se fossi io, mi sarei gia staccato e aspetterei che fosse l'assemblea (non l'avvocato o l'amministratore) a decidere se ricorrere al giudice o meno.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
richiesta perizia da parte di un condomino
vizi occulti rilevati da perizia ma l'amm.re non coinvolge ditta costruttrice
spese di perizia e' deducibile?
criteri di ripartizione spesa perizia.
diritti d'intervento durante la perizia ctu
costruzione e richiesta perizia tecnica di stablità da parte del comune.
richiesta perizia statica immobile e soletta
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading