Discussione: ancora sulla trasformazione del riscaldamento

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
30/01/2007
12:04:57
Torno sulla questione della trasformazione dell'impianto di riscaldamento (di cui abbiamo discusso ieri) per segnalare una "inquietante" dottrina che contesta la legittimità della delibera che semplicemente disponga la trasformazione, lasciando alla fase esecutiva il rispetto dei criteri imposti dalla L. 10/91: secondo questi giuristi la maggioranza agevolata sarebbe concessa dalla legge solo "in cambio" della assoluta certezza del rispetto di quei criteri (il che non avverrebbe se la delibera si limitasse a stabilire la trasformazione); inoltre sostengono che solo dopo aver esaminato il progetto, o, almeno, solo dopo aver stabilito i criteri cui il progetto dovrà uniformarsi, i condomini sono in grado di esprimere compiutamente il proprio voto in merito. Questa interpretazione trova conforto nella sent. Cass. 5117/99 e si segnalano anche numerose decisioni dei giudici di merito.
Personalmente concordo con quanto sosteneva Claistron ieri, ma suggerirei, a scanso di equivoci, di integrare la deliberazione almeno con un riferimento alla legge sul risparmio energetico.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )
Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
30/01/2007 15:02:48
Questo argomento sembra tanto semplice....
La perizia che deve essere fatta, e' a carico dei soli condomini che votano per la trasformazione?
L'eventuale perizia di verifica richiesta dai dissenzienti deve essere a carico loro?
Sembrerebbe che la soluzione piu' ragionevole ma.... cosa dicono gli esperti ?
Eleonora


Rispondi


claistron

Staff
10202 interventi
30/01/2007 16:33:27
Come ho gia accennato, se oltre un milione di edifici in Italia ha abbandonato il centralizzato per passare all'autonomo, probabilmente i vincoli e le difficoltà che si cercano di esprimere qui non esistono o perlomeno sono molto labili.

Quando la maggioranza del condominio (1/2) decide di abbandonare il riscaldamento centralizzato, è facile dimostrare il risparmio, qualsiasi professionista potrà certificare che la caldaia obsoleta consuma di più, che non è in grado di riscaldare a sufficienza gli appartamenti più alti, che c'è spreco di calore nelle lunghe tubazioni tra la caldaia ed i singoli appartamenti e potrei scrivere una pagina circa i "contro" del centralizzato, anche se ribadisco che un ottimo e "moderno" impianto comune potrebbe essere addirittura migliore dell'autonomo.
Che dire poi della ripartizione delle spese tra i condómini quando non vi siano dei termoregolatori in ogni unità immobiliare.
Quante volte abbiamo letto negli interventi di condómini che invece di chiudere il calorifero, aprono le finestre.

Quanto sopra è utile a preferire (anche se non sempre come ho detto, è la migliore soluzione) il riscaldamento autonomo.

Ecco che sarà facile per un termotecnico certificare il risparmio energetico degli impianti autonomi.
Di solito la relazione (una semplice paginetta disponibile anche in rete) viene redatta gratuitamente dal professionista quando ci si appoggia alla sua ditta per l'installazione delle caldaie autonome.

Rispondi


prociotta

Utente avanzato
14 interventi
31/01/2007 09:05:08
PIPPO ti sbagli.
se tanti palazzi hanno fatto il cambio, innanzitutto lo hanno fatto in maggiornanza senza i permessi comunali. quindi senza presentare i progetti di conformità alla l. 10/91

gli altri, avendo preso la decisione all'unanimità hanno trovato un tecnico che ha dichiarato la conformità, per le pratiche comunali, ma non hanno mai dichiarato il risparmio energentico rispetto al centralizzata. E i comuni non lo chiedono.
E' impossibile dire che il centralizzato spende più dell'autonomo.

Adeguare il centralizzato, costa meno che passare all'autonomo.

una caldaia nuova, le valvole termostatiche, magari anche un sistema di contabilizzazione che ti consenta di decidere quando accendi e per quali temperature, ...
costano meno di caldaietta, muratore, elettricista, canna fumaria

e risparmi.

Sia in installazione sia in gestione.

Avete mai sentito dei servizio calore ? Ti impegni per 10 anni a pagare a chi ti fornisce il calore una certa cifra, sulla base dei consumi attuali. Loro investono nel tuo edificio con caldaia etc... e si rifanno delle spese guadagnandoci, con i risparmi acquisiti.

Comunque questa indiozia dei condomini è finita, se chiedono i permessi in comune. Adesso bisogna presentare il certificato energetico iniziale e finale. Nessun tecnico può più dire:<>

Rispondi


claistron

Staff
10202 interventi
31/01/2007 15:04:38
Certo Sabrina.

Sopra ho ben specificato che il centralizzato, realizzato con moderne tecnologie, è più "risparmioso" dell'autonomo.

Guarda caso però "tutti" gli Italiani sono stanchi di sottostare ai voleri di qualche prepotente che pretende .... pretende.... orari .... temperature .... servizi.....

Chi ha la propria caldaia è finalmente un "signore"; decide lui quando accendere o spegnere, se sta fuori tutto il giorno per lavoro tiene spento e accende la sera, se va fuori per il weekend spegne e riaccende quando rientra, se va a fare la settimana bianca spegne per parecchi giorni e risparmia, se si ammala e ha bisogno di più calore "alza" la temperatura senza dipendere dal prepotente, se come questo inverno fa sempre caldo non accende nemmeno mentre il centralizzato deve sempre funzionare per quei due vecchietti (legittimamente) freddolosi.
Potrei elencare ancora una pagina di benefici dell'autonomo (l'abbiamo gia fatto in un altro contesto, ti ricordi Joule?), considero il risparmio energetico dell'uno o dell'altro impianto non prevalente rispetto all'altro, ma considero impagabile la libertà di ogni mia decisione al riguardo. (specialmente se le mie finanze sono "sottili" e preferisco sopportare un pò di freddo piuttosto che fare dei debiti per riscaldare "gli altri" col centralizzato)

Rispondi


prociotta

Utente avanzato
14 interventi
06/02/2007 19:56:46
la libertà di ogni tua decisioni ce l'hai con un semplice contabilizzatore che ti consenta la gestione degli orari e temperature
la libertà poi di risparmiare ulteriormente ce l'hai perchè i soldi che risparmi evitando canne fumarie e traccie, li usi per fare gli infissi nuovi

sp media in condominio dove si muore dal caldo per tutte le ore € 1.500 appartamenti grandi,2/3 camere con vecchi infissi ...
sp a casa mia, acceso per i 20° solo in alcune ore serali (e non tutte le sere... perchè se ho delle assemblee o vado fuori, programmo per i 16°) e 2 la mattina, se guardo la TV uso la coperta .... 1 camera, infissi di 5 anni, caldai di 5 anni € 900,00 media di ore riscaldamento 3/4 al giorno


comunque, grazie all'obbligo della certificazione energetica, se i comuni interpretano le nuove leggi come si deve, da quest'anno non si fanno più assurde trasformazioni dal centralizzato all'autonomo

Rispondi


claistron

Staff
10202 interventi
06/02/2007 20:34:19
Come ho accennato sopra, il pensiero di ognuno ha sfumature diverse.

Io resto col milione di edifici che hanno fatto la trasformazione e hanno sclelto la libertà di decisione anche se condivido che il risparmio si ottiene con un buon impianto centralizzato.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
ancora sulla idoneità delle maggioranze in assemblea
valvole termostatiche dal 2016 e non ancora ricevuto riparto di spesa
valvole termostatiche e riscaldamento autonimo
nuovo regolamento sulla privacy
riscaldamento centralizzato, è corretto calcolare il 30% per i consumi involontari?
e’ corretto che i negozi non paghino le spese di manutenzione del riscaldamento?
pagamento corso di aggiornamento non ancora registrato
distacco impianto centralizzato del riscaldamento
riscaldamento millesimale
spese di riscaldamento
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading