Discussione: TUBAZIONE COMUNALE DIMENTICATA DI ESSERE DISMESSA

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
27/12/2006
21:20:42
ABBIAMO UN PROBLEMA,IL COMUNE DOVE VIVIAMO NEL 1992 HA COSTRUITO UNA NUOVA RETE IDRICA E INSTALLATO NUOVI CONTATORI, MA HA DIMENTICATO DI ISOLARE QUELLA VECCHIA,LA CONDUTTURA VECCHIA E STATA SOLO TAPPATA NEL PUNTO DI INNESTO AL VECCHIO CONTATORE,MA COL PASSARE DEGLI ANNI HA COMINCIATO A PERDERE ACQUA ALLAGANDO LE FONDAZIONI, DI CHIè LA RESPONSABILIà ,DIMENTICAVO DI DIRE CHE LA TUBAZIONE VECCHIA PERDEVA NE TRATTO GIà DENTRO IL CANCELLO E CHE ANDAVA AL CONTATORE ORMAI DISMESSO.GRAZIE



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10245 interventi
27/12/2006 22:26:43
(scrivi minuscolo per favore)

Hai accennato al fatto che la tubazione in oggetto è "all'interno" della vostra proprietà privata.

Siete voi i responsabili!

Siete voi che dovrete provvedere alla riparazione.

Potete comunque pretendere (non capisco perchè non l'abbiate gia fatto) che la tubazione in oggetto venga "chiusa" dal comune gia al confine della vostra proprietà, cioè gia sulla pubblica strada.

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
28/12/2006 12:40:44
grazie prima di tutto per aver tenuto conto della mia richiesta,adesso cerco di essere più chiaro.prima del 1992 esisteva una vecchia tubazione comunale da 3/4", nel 1992 firmammo un contratto per il nuovo contatore idrico poichè il comune aveva provveduto alla formazione di una nuova rete idrica,tutto proseguiva bene fino a quando nel mese di ottobre 2006 in seguito alla ristrutturazione dell'impianto elettrico ci siamo accorti che vi era la presenza di acqua nei muri, allorchè chiamato l'idraulico e dopo aver eseuito degli scavi ci siamo accorti che nei muri vi era la presenza di acqua, e ci siamo accorti che il comune pur tappando la tubazione all'innesto con il contatore, aveva lasciato la tubazione in pressione poichè non l'avevano isolata all'origine,in seguito sono venuti ed hanno rintracciato il punto d'origine e lo hanno isolato, ma l'immobile risulta danneggiato dall'umidità, chi paga i danni? sottolineo che la tubazione percorre un tratto di circa 10 metri all'interno della cortina prima di innestarsi al contatore ormai isolato,e che la perdita è stata riscontrata all'interno della corte.Grazie e vi faccio i migliori auguri di buon anno.Complimenti per il sito vi farò sicuramente un ottima publicità.

Rispondi


claistron

Staff
10245 interventi
28/12/2006 12:55:07
Non posso che ribadire quanto detto sopra.
La parte di tubazione all'interno della vostra proprietà è di vostra competenza.
Voi stessi dovevate vigilare con l'attenzione del "buon padre di famiglia" affinchè non provocasse danni.
Il fatto che il comune abbia continuato ad immettere acqua (una perdita) nella "sua" tubazione (fino al limite della vostra proprietà) non può essere motivo per imputare eventuali danni.

Ritengo che un contenzioso giudiziario con questi presupposti, potrebbe non esservi favorevole.

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
28/12/2006 13:19:09
scusami ma se il comune dimentica di isolare una tubazione dove sta la nostra inegligenza , poichè se non vedo affiorare l'acqua per noi è tutto aposto.aiutami se puoi.

Rispondi


claistron

Staff
10245 interventi
28/12/2006 15:11:47
Io ti ho fornito la mia opinione, rileggila.

Se sei convinto di poter citare in giudizio il comune ed avere chances per ottenere soddisfazione, non ti resta che consultare un avvocato esperto nella materia e procedere, con 4-5000€ di spese complessive te la dovresti cavare.

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
28/12/2006 15:50:14
puoi dirmi per cortesia a quale testo di legge devo fare riferimento pur essendo un vecchio impianto? grazie e buon anno

Rispondi


claistron

Staff
10245 interventi
28/12/2006 22:39:22
Devi riferirti ai relativi articoli del Codice Civile.
Un avvocato potrà validamente consigliarti.

http://www.overlex.com/consulenze.asp

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
recupero vano canna fumaria dismessa
quorum deliberativo per uso esclusivo della canna fumaria condominiale dismessa
uso esclusivo della canna fumaria comune dismessa
dilemma ...il contratto di un fornitore deve essere registrato oppure no?
un geometra deve essere per forza iscritto all'albo
delibera regionale modificata da delibera comunale
una cooperativa può essere nominata amministratore al pari di una società?
riparazione pompa lavastoviglie. da chi deve essere sostenuta la spesa?
presunto abuso ufficio impiegato comunale
riparazione tubazione acqua potabile che passa sotto terreno altrui proprietà
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading