Discussione: Danneggiamento parco condominiale in Sardegna

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
18/07/2006
15:41:58
Ho acquistato nel 2002 una piccola abitazione in Sardegna per trascorrervi i periodi di ferie. Tale abitazione è posta in un condominio composto da 22 villette a schiera distribuite in gruppi di quattro/cinque appartamenti all'interno di un grande parco condominiale circondato da macchia mediterranea. Al momento dell’acquisto tale abitazione era circondata da alberi e cespugli che le conferivano una quasi completa privacy e silenziosità. Gli unici contatti visivi presenti riguardavano i vicini più prossimi ed ho provveduto a mitigarli collocando piante di ulivo e rampicanti da far crescere su di un apposito graticcio ottimizzando la riservatezza della casa.

Negli ultimi due anni, però, un condomino in pensione incaricato dei lavori di manutenzione del parco ha provveduto prima alla "scapitozzatura" e poi al taglio integrale di numerosi alberi (Acacie) ed a potature drastiche (raso terra) di tutti i cespugli esistenti in prossimità della mia casa (Oleandri). Tali lavori sono stati effettuati in periodi di assenza degli altri condomini e senza alcuna autorizzazione né da parte di questi nè da parte dell'Amministratore con motivazioni addotte senza il fondamento di una specifica competenza essendo il condomino in questione un ex meccanico e non un giardiniere.

Ora la proprietà non ha più le qualità che ne hanno determinato l'acquisto: il suo terrazzo, che prima potevamo utilizzare in piena libertà, è esposto alla vista di tutti e rumori e luci provengono dalla strada comunale che costeggia il condominio, prima del tutto nascosta, e dai terrazzi delle altre case, provocando sia in me che in mio marito, fastidio ed irritazione; il suo valore commerciale, inoltre, è stato ridotto, non essendo più inserita in un parco alberato in una delle più belle località della Sardegna, ma in un comune, squallido, giardino di una qualunque periferia popolare urbana; tale riduzione, da dati ricavati presso agenzie immobiliari della mia regione, presumo validi su tutto il territorio nazionale, ammonta al 5-10% del valore totale dell’abitazione in ambito urbano ed è certamente superiore in una località turistica di elevato pregio ambientale;

Appena avvenuti i tagli mi sono lamentata con un consigliere del condominio nostro amico, sentendomi rispondere che il condomino manutentore è troppo "prezioso" per criticarne l'operato e che il condominio non ha soldi da destinare al ripristino del parco poiché molti condomini sono morosi da tempo.

Nel Maggio u.s., ho sottoposto, la situazione all'Amministratore che mi ha promesso l'impianto di una nuova siepe lungo la strada, già decisa nel corso di un'assemblea condominiale nel Settembre 2005, senza però provvedere a nulla; ai miei solleciti telefonici risponde staccando il telefono.

Cosa posso fare? E' possibile chiedere un risarcimento ed a chi (al manutentore che ha danneggiato, all'Aministratore che non ha controllato oall'intero condominio?

Giulia Sillato




Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10140 interventi
19/07/2006 20:08:04
Buongiorno Giulia

Presumo che gli interventi siano stati fatti sulla proprietà comune.

Nulla vieta che tu possa piantare una siepe o piante ornamentali all'interno del tuo giardino per creare quel minimo di riservatezza indispensabile.
Sicuramente farete un'assemblea durante il periodo estivo quando tutti i proprietari sono presenti, cerca alleati e diffida l'amministratore dal prendere iniziative senza il consenso dei proprietari.

Consulta il regolamento condominiale e al limite proponi che vengano modificate quelle clausole in contrasto con una gestione accorta relativa alla vostra situazione abitativa.

Qui trovi le maggioranze necessarie per deliberare nelle assemblee:

http://www.condomini.altervista.org/MaggioranzeAssemblee.htm

Staff

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
20/07/2006 11:51:13
Grazie per la risposta. Preciso che i giardini sono tutti in comune e che l'iniziativa dei tagli è stata presa dal manutentore senza autorizzazione da parte di nessuno solo per facilitarsi le operazioni sfalcio; inoltre la maggioranza dei condomini è poco interessata a risolvere il problema perchè protetta dalla vista della strada da rocce o perchè affitta la propria proprietà. Non capisco, poi, perchè dovrei provvedere a mie spese a riparare il danno fattomi dopo aver per anni protestato contro la progressiva distruzione del parco senza riuscire a fermarla per l'inerzia dell'amministratore, del tutto assente, ed il disinteresse dei condomini, attenti solo a risparmiare qualche decina di euro l'anno affidando la manutenzione ad un incopetente e non ad una ditta specialòizzata. E' possibile intraprendere un'azione legale?

Rispondi


claistron

Staff
10140 interventi
20/07/2006 12:54:34
Buongiorno Giulia

Devi chiedere al Giudice di Pace (alla segreteria) se un'eventuale azione che vorresti intraprendere rientra nelle sue competenze.
Qui trovi informazioni:

http://www.condomini.altervista.org/GiudicePace.htm

In caso affermativo, la spesa per avere una sentenza sarebbe molto bassa, nel caso invece dovessi adire al giudice ordinario dovresti farlo con l'assistenza di un avvocato e le spese sarebbero sensibili.

Fatti comunque consigliare da un professionista (giardiniere di professione) se vi siano gli estremi per un ricorso.

Staff

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
applicazione del concetto di decadimento della solidarietà condominiale
delibera per lavori su area verde extracondominiale
anagrafica condominiale e dati affittuario
corte condominiale problemi
ripartizione spese intervento tetto condominiale
soppressione caldaia condominiale
conto corrente condominiale con duplice funzione
quorum deliberativo per uso esclusivo della canna fumaria condominiale dismessa
riserva idrica condominiale
impasse condominiale per proprietario introvabile
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading