Discussione: Parcheggio in area privata

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
24/06/2006
09:10:32
Buongiorno a tutti gradirei avere dei lumi.
Nel palazzo ove abito vi è un condomino con unità immobiliare destinata ad attività commerciale. Nelle parti comuni dell'edificio, vi è compresa un'area destinata oltre che a zona di disimpegno anche a parcheggio. Quest'area è divisa in due una recintata attraverso la quale si accede alle abitazioni e l'altra no. Nella prima riunione di condominio, ove era presente anche il costruttore dello stabile, nell'area recintata sono stati assegnati ai proprietari delle abitazioni dell'edificio, posti auto in uso esclusivo. Il costruttore ha poi venduto un'unità immobiliare destinata ad attività commerciale che ha ingresso indipendente e quindi non accede attraverso la zona recintata. Ora questa persona pretende anche lui un posto auto in uso esclusivo all'interno dell'area recintata.
Vorrei sapere, se è una pretesa lecita questa, e come ci si puù apporre atteso che lo spsazio a disposizione è insufficente.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10202 interventi
24/06/2006 19:00:19
Buongiorno Gaetan

Sono troppo poche le informazioni per darti una risposta sicura.

Cosa vi è scritto nel "regolamento contrattuale" allegato ai rogiti?
I posti auto sono assegnati ai singoli condómini o sono considerati proprietà comune a tutto il condominio?

Prima di darti una risposta è necessario conoscere quanto vi è scritto nei rispettivi rogiti rispetto a quest'area comune.
Le "parole" del costruttore non contano niente se non vengono trascritte nei documenti ufficiali.

Facci sapere.
Staff

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
27/06/2006 17:08:45
Dopo attenta visione ho potuto costatare con amarezza che: ne nel rogito; ne nel regolamento di condominio si parla di parcheggi o di posti auto assegnati in uso esclusivo. Però alla prima riunione con la quale si costituì il condominio, ove era presente il costruttore poichè proprietario di 5, o 6 appartamenti ancora e del locale commerciale, si decise di assegnare gli 11 posti auto tracciati dallo stesso costruttore all'interno dell'area recintata, ai proprietari degli appartamenti rispettando il numeri di interno attribuito alle abitazioni. Nelle tabelle millesimali del regolamento di condominio vi è solo una differenziazione nella suddivisione delle spese di manutenzione ordinaria tale da escludere il proprietario del locale commerciale nella compartecipazione alle stesse, in modo da far dedurre che il costruttore abbia voluto riservare il diritto d'uso dell'area recintata solo a coloro i quali attraverso la stessa accedono alle loro unità abitative. Queste mi rendo conto che sono deduzioni, ma a supporto di esse va detto che ad un condomino che ha acquistato in data successiva alla predetta delibera gli è stato inserito nel rogito l'attribuzione in uso esclusivo del posto auto n. x che corrisponde al sui interno.
Secondo voi sono valide queste motivazioni, per pretendere l'esclusione dall'utilizzo a parcheggio di detta area da parte del condomino che per accedere alla sua unità abitativa non si serve di questa e pertanto non ha mai partecipato alle spese per il suo mantenimento xcosì come previsto dal regolamento do condominio che è del tipo contrattuale?. Grazie

Rispondi


claistron

Staff
10202 interventi
27/06/2006 22:30:09
Buongiorno Gaetan

Dalla tua esposizione appare evidente che se nella tabella millesimale generale il proprietario del locale commerciale non partecipa alle spese di manutenzione dell'area in oggetto, egli non ha titolo per vantare l'utilizzo della stessa.

Se la persona citata volesse vantare diritti non trascritti e non citati dal regolamento contrattuale, dovrà rivolgersi egli stesso al giudice ordinario che valutando documenti (tramite professionista), testimonianze e citando anche l'originario costruttore emetterà sentenza in merito.

(Una controversia giudiziaria simile non può costargli meno di 3000€ iniziali per spese legali, giudiziarie e del perito nominato dal giudice).

Staremo a vedere.

Staff

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
28/06/2006 09:54:29
ti ringrazio, chiarissimo come sempre, vi informerò degli sviluppi futuri

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
costruzione pergola su terrazza condominiale privata
parcheggio cortile condominiale
palo della luce in una proprietà privata
parcheggio in condomini: l'amministratore non può assegnare i posti
delibera per lavori su area verde extracondominiale
scrittura privata a distanza
diritti su area promiscua
scia alternata al pdc su proprietà privata per una pergola più aperture
parcheggio auto per portatori di handicap nel cortile condominiale
mancato intervento amministrazione per infiltrazioni proprietà privata
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading