Discussione: AZIONE POSSESSORIA PROMOSSA DA ALCUNI CONDOMINI

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

TRUSTEE
Utente registrato
15/12/2020
11:20:25
Buongiorno Claistron,
In un residence (nato come consorzio), lo statuto iniziale (mai modificato) prevedeva che la porzione frontale di ogni singolo villino, andava a costituire la strada interna del consorzio.
I proprietari rimanevano comunque titolari della porzione adiacente e frontale alla stessa proprietà e agli stessi , senza creare impedimento alla circolazione, era concesso il parcheggio della propria vettura ; era altresì chiarito che la stessa porzione non poteva essere occupata con nient'altro .
Per consuetudine , non potendo tutti sostare la propria vettura nella porzione antistante la propria abitazione, hanno sempre di comune accordo parcheggiato nei tratti ove possibile
Nell'ultimo periodo è accaduto che un condomino ha installato sull''area predetta dei cavalletti fissati a terra che di fatto impediscono il parcheggio ad altri vantando per tanto l'esclusivo utilizzo .
In virtù di ciò , alcuni condomini mi chiedono di agire con una azione legale "possessoria" senza attendere il mandato da parte dell'assemblea ; cosa ne pensi ?



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10245 interventi
15/12/2020 13:15:22
Il problema appare complesso.

Il regolamento iniziale, che potrebbe essere definito "contrattuale", lascia dubbi in merito al risultato rispetto ad un ricorso giudiziario.

Io non cederei alla richiesta di "alcuni" condómini, proporrei invece una deliberazione a maggioranza circa l'attivazione dell'azione legale, che si prospetta costosa (perizie, tu, testimonianze, ecc.) e poco sicura del risultato.

Insomma, solo l'assemblea e non l'amministratore possono decidere in merito, visto la necessità di fondi da spendere per la procedura.

Naturalmente il singolo o i singoli sono liberi di proporre essi stessi un ricorso giudiziario.

L'amministratore ha l'obbligo di resistere in giudizio, ma non ha il potere di proporlo senza l'avvallo dell'assemblea, soprattutto se ci sono in ballo spese non quantificabili.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
facente funzione di amministratore condominio e conto corrente
ristrutturazione e detrazioni fiscali
apertura conto corrente condominiale, obbligo o no?
ripartizione spese prospetto e terrazzo condominiale
come fare per modificare regolamento condominiale
tavoli bar in spazio condominiale
applicazione dell'art. 66 disp. att. c.c.
costituzione condominio mino con due soli proprietari
nomina delegato in super-condominio
ouccpazione senza titolo per mancata stipula contratto aiuto
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading