Discussione: indennità di occupazione

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
25/05/2006
09:56:07
Ciao a tutti,
scrivo per un dubbio che forse voi mi potete risolvere. Ho un appartamento locato per il quale il contratto è scaduto alla fine di febbraio. L'inquilino è ancora dentro e sulla ricevuto scrivo "a titolo di indennità di occupazione". L'unico articolo di legge che riguarda questa fattispecie è l'art. 6 della legge del 98 secondo la quale l'indennità si calcola con l'ultimo canone più il 20% + eventuale adeguamento istat. Per non infierire ho portato il canone da 400 a 450 ma il mio amministratore dice che ASSOLUTAMENTE non si può aumentare il canone senza contratto. Mi dite chi ha ragione? Grazie mille a tutti. Nadia



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10215 interventi
25/05/2006 13:31:19
Buongiorno Nadia

Non hai comunicato se siano state attivate le procedure per il rilascio coattivo dell'immobile (sfratto).

Devi riferirti alla Riforma delle locazioni, L. 9.12.1998 n. 431 art. 6 comma 6:

6. Durante i periodi di sospensione delle esecuzioni di cui al comma 1 del presente articolo e al comma quarto dell'articolo 11 del citato decreto-legge n. 9 del 1982, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 94 del 1982, nonché per i periodi di cui all'articolo 3 del citato decreto-legge n. 551 del 1988, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 61 del 1989, come successivamente prorogati, e comunque fino all'effettivo rilascio, i conduttori sono tenuti a corrispondere, ai sensi dell'articolo 1591 del codice civile, una somma mensile pari all'ammontare del canone dovuto alla cessazione del contratto, al quale si applicano automaticamente ogni anno aggiornamenti in misura pari al settantacinque per cento della variazione, accertata dall'Istituto nazionale di statistica (ISTAT), dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati verificatasi nell'anno precedente; l'importo così determinato è maggiorato del venti per cento. La corresponsione di tale maggiorazione esime il conduttore dall'obbligo di risarcire il maggior danno ai sensi dell'articolo 1591 del codice civile. Durante i predetti periodi di sospensione sono dovuti gli oneri accessori di cui all'articolo 9 della legge 27 luglio 1978, n. 392, e successive modificazioni. In caso di inadempimento, il conduttore decade dal beneficio, comunque concesso, della sospensione dell'esecuzione del provvedimento di rilascio, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 55 della citata legge n. 392 del 1978.

Staff


Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
25/05/2006 16:14:53
Grazie per la cortese risposta.
Non è stata attivata la procedura per il rilascio in quanto l'inquilino ha richiesto un mutuo per acquistare l'immobile, anche se non si fa sentire da un bel po'. Comunque posso aumentare il canone? L'articolo non è chiaro, ma dice " e comunque fino a effettivo rilascio...." non so cosa dice....

Rispondi


claistron

Staff
10215 interventi
25/05/2006 16:57:18
Buongiorno Nadia

Se non hai attivato la procedura di rilascio e naturalmente hai dato la regolare disdetta entro i 6 mesi precedenti la fine del contratto, allora dovrai concordare un nuovo contratto "temporaneo" e limitato fino alla vendita dell'immobile stesso.
Non puoi riferirti all'art. 6 per chiedere aumenti.
Sono accordi che devi prendere personalmente con l'inquilino.

Staff

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
30/05/2006 13:57:08
Rieccomi,
grazie per la risposta, la disdetta è stata data in quanto se l'inquilino non compra l'immobile verrà venduto ad altri, la disdetta fu data con i sei mesi di anticipo con accordo con l'inquilino che non ha proposto nulla di diverso. Cosa avrei dovuto fare per rientrare nella fattispecie dell'art. 6? Perchè allora l'avvocato mi ha detto di scrivere nella ricevuta a titolo di indennità di occupazione? Ringrazio anticipatamente.

Rispondi


claistron

Staff
10215 interventi
30/05/2006 23:13:15
È una prassi usata spesso, come quella di fare un accordo temporaneo con l'inquilino.
La legge te l'ho indicata, a te le decisioni in merito.

Staff

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
31/05/2006 17:15:06
GRAZIE MILLE

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
processo occupazione senza titolo d'immobile
doppia occupazione inquilini
occupazione sine titulo
indennità di locazione e vendita appartamento in comproprietà
indennità di opraelevazione
occupazione sine titulo: ricorso o citazione?
occupazione sottoscala comune
indennità di avviamento contratto commerciale
indennità di occupazione è sempre dovuta?
indennità occupazione 20%
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading