Discussione: Ammnistraore palazzini e corte comune

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

salv71
Utente registrato
16/03/2016
16:33:10
Buona sera,
Mi farebbe piacere avere vostre opinioni sulla seguente situazione.
Abito in un parco formato da 2 palazzine ed una corte in comune.
Nella palazzina A ci sono 6 proprietari, in qualle B ce ne sono 5 e di conseguenza, la comproprietà della corte comune è di 11 persone.
Per la Corte comune, anche se i proprietari sono più di 8, non è stato mai nominato un amministraore.
Nella palazzina B 3 proprietari su 5 hanno deciso di nominare un amministratore.
In considerazione del fatto che l'amministratore deve:
- disciplinare l’uso delle cose comuni e l’utilizzo dei servizi in modo tale che tutti possano goderne nel migliore dei modi
- compiere tutti gli atti per conservare le parti comuni dell’edificio;

una volta nominato l'amministratore dai proprietari della palazzina B che potere ha sulla corte comune, di cui i proprietari della palazzina sono quasi i 500/1000 e non è mai stato nominato un amministratore, obbligatorio per legge? Risulta essere amnche amministratore della corte comune?



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10215 interventi
16/03/2016 19:50:31
In realtà tutte due le palazzine e la parte comune ad esse sono un "condominio di fatto".

Potrete amministrare separatamente i due edifici in base al 3° comma dell'art. 1123 del c.c.

Il problema sono le parti comuni ad entrambi gli edifici, che tu non indichi.

Non conosciamo se vi sono scarichi comuni ad entrambi, vialetti di ingresso ad entrambi, verde comune ad entrambi, cancelli comuni ad entrambi, illuminazione comune ad entrambi, scivoli comuni, ed altre decine di possibili parti in comune ai due edifici.

Se così stessero le cose, il condominio è "unico" e sarà governato con le maggioranze delle unità immobiliari presenti in entrambi i fabbricati.

Anche la parte "cortile" sarà gestita in comune fino a quando sarà possibile una eventuale separazione, sempre che il regolamento contrattuale iniziale, da tutti sottoscritto al momento del rogito, non dia precise indicazioni in merito.

Trovi alcuni riferimenti al "solito" link:

http://www.condomini.altervista.org/Parcheggi.htm

Se vuoi maggiori e più precisi ragguagli, devi fornire informazioni più complete.

Naturalmente tutto ciò che ti serve lo trovi al "solito" link:

http://www.condomini.altervista.org

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
innovazione su una parte comune
cambio di destinazione o milgioramento della cosa comune
costruzione di un fabbricato su suolo comune
corte condominiale problemi
uso esclusivo della canna fumaria comune dismessa
acquisto lembo di terreno dal comune: in millesimi o parti uguali?
balcone/terrazzo su corte comune
riparto lavori corte interna
divieto parcheggio in area comune box
piante in giardino comune a uso esclusivo
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading