Discussione: Diritti e doveri cortili comuni in cascina

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

adar
Utente registrato
28/07/2015
12:22:41
Buongiorno,
scrivo per chiedere il parere degli altri partecipanti al forum in merito ad una situazione spiacevole che mi trovo ad affrontare con la mia famiglia da qualche mese.

Vivo in una casa in cascina sita in proprietà privata ma che ha sbocco-e accesso- in corte comune dove sono presenti altre case.
Ho dei vicini più o meno piacevoli e/o rumorosi con i quali intrattengo rapporti di pacifica convivenza, siamo una famiglia silenziosa che ci tiene all'ordine e alla pulizia.

Da poco è giunta una nuova famiglia a vivere in corte, che non dispone quindi di spazi privati, e sono sorti i problemi.
1. lasciano cibo fuori dal loro uscio per i gatti, causando liti tra gatti e tra cani (che si sa, in cortile girano). Da quando accade questo, il mio cane dorme in casa per far si che non prenda parte a queste liti.
2. hanno preso un cane che lasciano sempre libero e del quale non si curano minimamente, che quindi vive negli spazi comuni - ma accede alla nostra proprietà (non essendo recinzioni che ne limitano l'ingresso) causando molti danni (fioriere distrutte, graffi su portiere delle auto parcheggiate, ruba le scarpe lasciate sulle mensole delle finestre magari ad asciugare (anche lasciate in alto, il cane salta e le prende) o i panni stesi sulla nostra proprietà ad asciugare, abbaia tutta la notte, fa i bisogni sulle scale esterne di casa nostra, scava buche e cosi via. il tutto sotto gli occhi dei proprietari che non muovono ciglio e ovviamente non si azzardano nemmeno a porre delle scuse..
3. lasciano spesso l'auto col motore acceso di notte quando tornano, e con le finestre aperte veniamo continuamente svegliati da portiere che sbattono e box che si aprono/chiudono.

Vorrei avere un'idea un po' piu chiara di quali siano le regole in vigore nei cortili di cascina - valgono le stesse dei cortili condominiali? Non abbiamo amministratore, non ce n'è stato mai bisogno.
Premesso che siamo una famiglia tranquilla e non siamo soliti richiedere l'intervento delle forze dell'ordine o degli avvocati, vorremmo prima di tutto sapere cosa possiamo pretendere dai nostri vicini e cosa no, dato che le regole del buonsenso non sembrano comprensibili al momento.

Grazie mille
Ada




Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10159 interventi
29/07/2015 10:12:06
Siete comunque in condominio avendo un bene comune (cortile).

Il consiglio preliminare che ti posso dare è quello di fare foto, filmati e raccogliere sostegno e testimonianza dagli altri, nel caso dovesse sorgere una vera e propria controversia.

Ti posso fornire precisi riferimenti giurisprudenziali relativi alla tua situazione.
A proposito del parcheggio:

http://www.condomini.altervista.org/Parcheggi.htm

A proposito dei rumori:

http://www.condomini.altervista.org/RumoriMolesti.htm

A proposito degli animali:

http://www.condomini.altervista.org/AnimaliMolesti.htm

Ora hai molti elementi per valutare i fatti, purtroppo è quasi impossibile far intervenire la polizia municipale su proprietà private.

Le foto del cibo lasciato fuori dalla loro porta e nello spazio comune, ti potrebbero servire per un eventuale esposto all'Asl.

Rispondi


adar

Utente semplice
1 interventi
29/07/2015 14:53:26
Grazie mille, ho trovato molto materiale utile a riguardo.
Aggiungo una informazione che prima non ho riportato: anche se noi abbiamo l'abitazione al'80% su proprietà privata, una finestra ha sbocco su corte comune. siamo inoltre proprietari di una abitazione sita in corte comune che abbiamo affittato a un ragazzo che però è molto spesso via per lavoro, e di una vecchia casa disabitata da ristrutturare.

E' possibile, visto che al momento non si riesce a regolamentare la questione e non siamo dell'idea, come dicevo, di intervenire pesantemente con avvocati, in qualche modo "obbligare" le persone che vivono in cortile a prendere un amministratore che ci gestisca?

Grazie
Ada

Rispondi


claistron

Staff
10159 interventi
29/07/2015 18:10:53
Se non vi sono parti comuni da gestire finanziariamente, nessun amministratore si prenderebbe questo incarico (solo per dirimere i vostri litigi?).

Oltretutto un amministratore si fa "pagare".

Oltretutto un amministratore non è un "poliziotto" e non ha mezzi coercitivi da poter prendere.



Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
alienazione beni comuni, quale maggioranza
lavori condominiali parti comuni e non
diritti su area promiscua
gestione aree comuni in assenza del supercondominio.
maggioranze per modifica aree comuni
manutenzione aree comuni da parte di condomini residenti
grado di incidenza dei propri millesimi sulle parti comuni
tipo di maggioranza per riscrittura atto notarile su parti comuni
modifica parti comuni
comunicazioni agenzia entrate ristrutturazioni edilizie
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading