Discussione: Progetto per spesa riscaldamento

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

DanieleMaria
Utente registrato
29/03/2015
17:07:15
Faccio riferimento alla mia richiesta di chiarimento precedente relativa alla "Redazione progetto per ripartizione spesa riscaldamento" del 20/3/2015.
Ringrazio per la risposta, purtroppo il condomino che ha posto il problema e che abita all'ultimo piano, oltre alla legge 102 del 4/7/2014 e UNI 10200, menziona ora anche la legge Reg.Lombardia 2601 del 30/11/2011 art.10.2 che riporta:"...nel sistema di contabilizzazione dell'energia termica il progettista deve tener conto delle diverse esposizioni delle unità abitative,... primi e ultimi piani dell'edificio, dell'equilibratura dell'impianto. Tali caratteristiche dovranno essere evidenziate in una specifica relazione...al fine di definire un' equa suddivisione delle spese."
Pertanto il dubbio rimane, il progetto sopra citato è obbligatorio o facoltativo dato che la caldaia, la termoregolazione e la contabilizzazione è entrata in funzione nell'ott/nov 2010 ed allora non era previsto tale progetto? Comunque "l'eventuale progetto" è soggetto a delibera assembleare?
Grazie a tutti e auguri di buona pasqua.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10224 interventi
30/03/2015 10:43:24
Ti ho risposto chiaramente nel tuo precedente intervento:

http://www.overlex.com/leggithread.asp?id=21568&board=condominio

Rileggi l'articolo della legge che ti ho indicato.

Nel tuo caso, visto che il progetto richiesto comporta un capitolo di spesa per il condominio, deve necessariamente essere sottoposto all'assemblea che deciderà a maggioranza.

Il condòmino interessato sta "provandoci", per pagare meno le quote di riscaldamento che gli competono.

La legge è chiarissima: si paga in base ai consumi di ogni singola unità immobiliare, l'assemblea può solo decidere per una quota percentuale, circa il 30% da suddividere per millesimi anzichè in base ai reali consumi.

Se si dovesse tener conto di tutti i parametri indicati dal contestatore, non avrebbe più senso l'obbligo dell'installazione dei contabilizzatori.

Se un'unità immobiliare decidesse una coibentazione supplementare (interna) per risparmiare sulle spese di riscaldamento, ciò verrebbe vanificato dagli eventuali calcoli indicati dal contestatore.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
partecipazione spesa gruppo elettrogeno
ripartizione spesa installazione nuovo autoclave.
valvole termostatiche dal 2016 e non ancora ricevuto riparto di spesa
valvole termostatiche e riscaldamento autonimo
riscaldamento centralizzato, è corretto calcolare il 30% per i consumi involontari?
e’ corretto che i negozi non paghino le spese di manutenzione del riscaldamento?
sostituzione infisso in conformità al progetto del costruttore
sostituzione infisso in conformità al progetto del costruttore
distacco impianto centralizzato del riscaldamento
riscaldamento millesimale
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading