Discussione: PRESUNTO ABUSO UFFICIO IMPIEGATO COMUNALE

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

fabiogemini
Utente registrato
16/03/2015
16:27:26
Salve

nel 2011 ho comprato un terreno con annesso rudere sul quale ho fatto un progetto di abbattimento e ricostruzione per una casetta.
La mia zona (gaeta) è soggetta a vincoli paesaggistici e idrogeologici, pertanto prima di costruire ho dovuto attendere ben 3 anni di approvazioni.
Il rudere in oggetto dall'aerofotogrammetrico non si vede bene, e prima della vendita i vecchi proprietari non l'avevano accatastato.
All'atto notarile il notaio ha dichiarato, sotto responsabilità dei vecchi proprietari (ben 7) che il rudere esisteva. Inoltre all'atto di acquisto era stata allegata una perizia giurata di un geometra nella quale c'è scritto dell'esistenza del rudere in oggetto.
Siccome il rudere era semi diruto, prima di effettuare il progetto di abbattimento e ricostruzione è stato leggermente aggiustato (sotto suggerimento della regione lazio per avere una volumetria ben distinta).
Avuto tutte le approvazioni a fine 2014 ho costruito casa utilizzando una SCIA.
il tecnico del comune mi blocca la scia con un ingiunzione di annullamento per INESISTENZA del rudere e priva di legittimità.
A quel punto il mio avvocato, completamente basito, fornisce le memorie difensive nelle quali allega :
==> atto notarile dove si attesta la presenza del rudere (non censito all'atto di vendita)
==> perizia giurata del geometra "prima" che acquistassi il rudere.
==> in più i vecchi proprietari sono venuti a giurare, proprio due settimane fa , attraverso atto notorio, dell'esistenza del rudere e che era stato costruito dal loro padre nel 1950

Nonostante tutte queste "prove" di esistenza, il tecnico del comune insiste che il rudere non c'era e vuole farmi un'ingiunzione di abbattimento.
Ma dico, è possibile ??? è assurdo che devo trovarmi a difendermi nonostante abbia pagato (e non poco) il mio rudere ed abbia atteso ben tre anni prima di costruire per avere tutte le approvazioni. Vorrei prima di tutto tutelare la mia casa (nella quale nel frattempo, mi hanno anche dato la residenza i vigili) e poi denunciare il tecnico del comune in quanto mi sta creando tantissimi danni . Cosa suggerite di fare ?



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10191 interventi
16/03/2015 20:45:08
La vicenda si presta a "troppe" interpretazioni.

Hai parlato di perizie, testimonianze, ecc. ma non hai parlato di una semplicissima "fotografia" del rudere esistente.

Una foto risolverebbe tutti i problemi; perché non è stata fatta? forse perché del rudere ormai non esisteva più niente?

La prima cosa che avrei fatto io, sarebbe stata quella di fotografare e filmare il luogo con la presenza dei testimoni.

In sostanza, sembra avere ragione il funzionario comunale, per cui potresti essere sottoposto a sanzioni civili e penali.
Infatti, anche la Cassazione in decine di sentenze ti dà assolutamente torto, ti allego una delle sentenze di Cassazione che non ti danno scampo:

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. III, 30/09/2010 (Cc. 14/07/2010), Sentenza n. 35390

DIRITTO URBANISTICO - Ricostruzione su ruderi - Nuova costruzione - Ristrutturazione edilizia - Esclusione - Natura e presupposti della ristrutturazione edilizia - T.U.E. n. 380/2001. Il concetto di ristrutturazione edilizia postula necessariamente la preesistenza di un fabbricato da ristrutturare, cioè di un organismo edilizio dotato delle murature perimetrali, strutture orizzontali e copertura. In mancanza di tali elementi strutturali non è possibile valutare l'esistenza e la consistenza dell'edificio da consolidare ed i ruderi non possono che considerarsi alla stregua di un'area non edificata: la ricostruzione su ruderi, pertanto, non costituisce "ristrutturazione" ma "nuova costruzione" (C. Stato, Sez, V: 28.5.2004, n. 3452; 15.4.2004, n. 2142; 1.12.1999, n. 2021; 4.8.1999, n. 398; 10.3.1997, n. 240; nello stesso senso Cass., Sez. III: 24.9.2008, n. 36542, Verdi; 23.1.2007, Meli; 13.1.2006, Polverino; 4.2.2003, Pellegrino; 20.2.2001, Perfetti). Sicché, per aversi "ristrutturazione", le opere murarie ancora esistenti devono consentire, in realtà, la sicura individuazione dei connotati essenziali del manufatto originario e, quindi, la sua fedele ricostruzione (C. Stato, sez. IV, 15.9.2006, n. 5375). (conferma ordinanza n. 29/2009 TRIB. LIBERTA' di TERNI, del 27/07/2009) Pres. Altieri, Est. Fiale, Ric. Ravanelli. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. III, 30/09/2010 (Cc. 14/07/2010), Sentenza n. 35390



Rispondi


fabiogemini

Utente semplice
1 interventi
17/03/2015 09:43:23
Grazie della risposta
Non ho precisato dell'esistenza di fotografie dove si vede il rudere da lontano (prima dell'acquisto da parte mia) , non solo ma anche foto della cisterna che sta sotto al rudere (cisterna interrata antichissima), ovviamente le foto mostrano un rudere diruto , ma si vedono le mura perimetrali e la sagoma, ed è proprio su queste foto che il tecnico aveva allegato la perizia prima dell'atto di vendita. Ovviamente le mura c'erano ma non completamente intatte.
Tant'è vero che il tecnico del comune dice che è opinabile.
Ma purtroppo so che per altri problemi (di tipo personale) questo tecnico ce l'ha con me.

Non solo, ma lo stesso tecnico ha fatto passare pratiche dove i ruderi erano completamente crollati e non esisteva nulla (a differenza mia) ecco perchè dico che mi sento altamente penalizzato
grazie ancora


Rispondi


claistron

Staff
10191 interventi
17/03/2015 17:58:28
Un "tecnico" comunale è di norma un impiegato subalterno a qualcuno.

Vista la situazione "critica" come ti ho detto sopra e visto che la Cassazione ti dà torto, prova a rivolgerti più in alto, esempio al sindaco.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
abuso del ruolo di presidente in assemblea condominiale
delibera regionale modificata da delibera comunale
info su lavoro ufficio di amministrazione condominiale
abuso comproprieta usucapione
prescrizione abuso edilizio
appartamento uso ufficio e appartamento uso abitativo.
se io subaffitto un a parte del mio ufficio, e dopo un anno decido di disdire con il mio contratto c
pagamento ufficio e appartamento
abuso edilizio su altrui proprietà
abuso edilizio nuovo rimessaggio
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading