Discussione: installazione ascensore per disabile 100% alla luce della l. 212/12

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

zecpat
Utente registrato
25/02/2015
17:40:39
Gentilissimi
vorrei se possibile rivolgervi un quesito:
devo decidere se acquistare un appartamento senza ascensore valutando preliminarmente il possibile esito di un' istanza per l'installazione dell'ascensore. Mia madre è anziana e disabile al 100%; da quanto ho letto le ultime disposizioni in materia prevedono che l'installazione è possibile qualora l'assemblea dei condomini deliberi in tal senso, per più della metà dei presenti e per un equivalente della metà del valore millesimale del condominio. Detto questo, ho letto di casi in cui, anche in presenza di tali requisiti, qualcuno si è opposto presentando ricorso (per motivi di restringimento dimensioni scala) e intralciando il buon esito della pratica. Questo sarebbe una rovina nel mio caso perché non potrei spostarmi con mia madre nella nuova casa
Quindi vorrei chiedere gentilmente:
-l'attuale orientamento giurisprudenziale mi garantisce sufficientemente per imbarcarmi in questa avventura?
-qualora non si raggiunga l'approvazione dell'assemblea entro tre mesi, è vero che posso far installare un montascale a mie spese senza necessità di chiedere autorizzazione ai condomini? In questo caso qual'è l'iter autorizzativo?
- Se fosse a mie spese totalmente, potrei far installare un ascensore anzichè il montascale anche con l'opposizione di qualche condomino?
- i tre mesi per la pronuncia da parte dell'assemblea dei condomini decorrono dalla data dell'assemblea o dalla richiesta scritta iniziale al condominio? In quanto tempo ragionevolmente posso sperare di poter usufruire dell'ascensore considerando i tempi procedurali?

Vi ringrazio infinitamente

PZ



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10214 interventi
25/02/2015 22:55:16
Ne abbiamo parlato talmente tante volte nel forum.... basta una semplice ricerca.

L'installazione di un ascensore, se vi è ostilità del condominio (ragioni economiche principalmente), l'interessato può procedere a proprie spese.

In merito alla riduzione delle rampe delle scale si precisa che la normativa dei Vigili del Fuoco (D.M. 246/87) prescrive, per gli edifici di civile abitazione con altezza fino a m.54, scale con larghezza minima di cm. 105 (Norme per la sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione).

Trovi altre precise informazioni al solito link:

http://condomini.altervista.org/Ascensore.htm

http://condomini.altervista.org/Ascensori.htm

http://condomini.altervista.org/AscensoreDisabili.htm

Se puoi prendi casa al ... pianterreno, farai felice tua mamma.

Rispondi


zecpat

Utente semplice
5 interventi
27/02/2015 23:02:50
Grazie per le informazioni e per la gentile risposta.
Particolarmente interessante la questione della dimensione delle scale. Quelle del condominio in questione misurano attualmente 112 cm quindi difficilmente, dopo essere state tagliate, potranno avere una misura non inferiore a 105, tuttavia in un'altra palazzina identica dello stesso comprensorio hanno installato l'ascensore.Un'altra cosa che mi domandavo è cosa succede se gli altri condomini pongono ostacoli non di natura economica ma di natura estetica
grazie
Cari saluti

Rispondi


claistron

Staff
10214 interventi
28/02/2015 08:20:12
Difficile comunque invocare il decoro "interno".

Con la riforma degli articoli del Codice riguardanti il condominio, per permettere simili lavori ora basta la maggioranza di 1/3 e 1/3.

Resta il fatto che si tratta di lavori molto costosi, non tutti potrebbero essere in grado di sopportare le spese che in questo caso resterebbero a carico del proponente se non riuscisse a trovare l'assenso degli altri.

Nel caso appunto di spesa totalmente a carico dell'interessato, l'unico appiglio dei dissenzienti potrebbe proprio essere invocare lo stravolgimento del decoro dell'edificio interno (difficile).

Leggi al solito link:

http://www.condomini.altervista.org/DecoroArchit.htm

Detto tra noi, valuta bene la spesa, se dovesse risultare a completo tuo carico, forse bisognerebbe tener conto di un diverso alloggio a pianterreno.

Rispondi


zecpat

Utente semplice
5 interventi
12/03/2015 11:36:27
grazie infinite per la disponibilità e competenza
cari saluti

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
montaggio condizionatori a cavallo della pluviale
installazione citofono cancello condominiale
definizione di condomino ai fini dell'applicazione della limitazione delle deleghe (art. 21 l. 220/2
ripartizione spesa installazione nuovo autoclave.
problemi causati dalla canna fumaria
palo della luce in una proprietà privata
applicazione del concetto di decadimento della solidarietà condominiale
cambio di destinazione o milgioramento della cosa comune
sottrazione alla azione legale
il costruttore non vuole mettere le infrastrutture per allaccio telecom
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading