Discussione: frana immobile, causa contro Comune?

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

giuliagiulia
Utente registrato
27/08/2014
11:31:09
Salve, chiedo un consiglio anche a voi. Ho un immobile reso di fatto inagibile da una frana che da tempo interessa l'intero nucleo di abitazioni vicina alla mia, in Casentino, Toscana. La situazione è ben nota a Comune competente, ente Parco nazionale e Autorità di Bacino, da anni e sono 4 estati che non posso più abitare l'immobile (che però tecnicamente non abbiamo dichiarato inagibile). La Regione ha finanziato uno studio per monitorare la frana, ma non è ancora partito e anche quando sarà fatto le possibilità che scelga di intervenire per consolidare il terreno sono scarse. E comunque, mi è stato detto, non interverrebberro sulla mia abitazione, della cui messa in sicurezza mi dovrei occupare direttamente io, con costi esosi. Siccome, comunque vadano le cose, so per certo che non sarò in condizione di sostenere questi costi, ma mi risulta inammissibile rinunciare ad una casa (una villa...) senza neppure essere risarcita, vorrei un consiglio. Esistono secondo voi gli estremi per intraprendere una causa contro il Comune e d arrivare a un risarcimento diretto?
Giulia



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10191 interventi
28/08/2014 10:54:21
Sono troppo poche le informazioni per poterti dare una risposta esaustiva.

Non hai fatto dichiarare l'inagibilità dell'unità immobiliare per cui hai continuato a pagare fino ad oggi IMU, TASI, TARI, ecc.
Naturalmente potrai opporre tutta la documentazione di regolarità idrogeologica e ambientale per una costruzione realizzata all'interno di un parco nazionale.
Se mancasse anche solo una "firma" o avessi costruito in qualche modo, anche parziale, abusivamente, per poi chiedere eventuali sanatorie, avresti solo grane e spese giudiziarie assurde, lunghe, costosissime CTU dall'una e dall'altra parte.

Solo un esperto legale nella materia del posto può consigliarti al meglio.

Resta il fatto che potresti avere varie controparti, comune, regione, parco, provincia, ecc.
Contro chi ti attiveresti prima?

Per poter chiedere i danni, devi dimostrare quelli subiti; la tua abitazione non è dichiarata ancora inagibile.
Solo se hai un'ingiuzione di sgombero puoi tentare un ricorso.

Come vedi le problematiche sono molteplici, ti conviene cercare solidarietà presso i vicini e con loro, tutti insieme, diluendo le spese, vedere se vi è la possibilità di una Class Action.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
problemi causati dalla canna fumaria
guasti al sistema di videosorveglianza e controlli non effettuati.
causa e spese straordinarie pendenti in acquisto casa
decr. ing. del condominio per lavori (contro condomino) e precedente titolo giudiziale dell'impresa
osservazione ente controllo ascensori e suo fermo
rimborso danni per infiltrazione causa grandine.
controlla della documentazione condominio.
problema spedizione dispersa a causa del custode
incidente in condominio: accettazione in acconto e poi causa?
azione legale contro ex amministratore
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading