Discussione: Dopo aver acquistato casa, tubi del gas non a norma.

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Undertaker
Utente registrato
29/11/2013
20:21:44
Buonasera a tutti, spero possiate darmi conforto.

Ho acquistato casa nel 2009, una soffitta che è stata ristrutturata e resa agibile con la documentazione in regola. Il vecchio proprietario possiede anche il piano di sotto. Quando ha effettuato i lavori di ristrutturazione del mio attuale appartamento, i tubi di acqua e gas sono stati fatti passare all'interno e a vista nel suo appartamento, probabilmente perché non potevano passare all'esterno causa tetto spiovente con poco spazio.
Sono in possesso dell'originale della conformità dell'impianto, realizzato nel 2002. L'appartamento sottostante è rimasto disabitato fino alla scorsa estate; martedì scorso il proprietario mi ha chiamato dicendomi che devo provvedere alla rimozione e messa in sicurezza dei tubi di acqua e gas a mie spese, perché non sono a norma.
Nel rogito, lo stesso venditore dichiarava che gli impianti erano e norma e si impegnava a effettuare i lavori di sistemazione in caso di problemi e irregolarità.
Mi ha anche minacciato che provvederà lui stesso a chiudere i flussi di acqua e gas al mio appartamento, se non provvederò entro 15 giorni.

Possibile che lui abbia effettuato questi lavori, mi abbia scritto anche sul rogito che sono a norma e che provvederebbe lui alle riparazioni e ora dica "i tubi sono i tuoi e quindi devi sistemarli"?

Ho qualche arma per potermi difendere? Sono tre giorni che non dormo..scusate la prolissità :)



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10215 interventi
29/11/2013 21:31:24
Devi affidarti ad un'associazione inquilini della tua zona.

Sono preparatissimi su questo argomento e ti assisteranno magari pagando solo la quota di iscrizione all'associazione.

Farai loro leggere il rogito ed il contratto di compravendita stipulato, vedrai che basterà una lettera del loro avvocato per farlo desistere da prese di posizione unilaterali.

Rispondi


Undertaker

Utente semplice
1 interventi
30/11/2013 00:16:25
Grazie claistron... Ma che tu sappia, la mia posizione mi consentirebbe di stare tranquillo legalmente ? Cioè pensi che debba pagare io le spese? Ho anche detto che potrei contribuire alla spesa in caso, giusto per rapporti di buon vicinato ma questo tipo è inamovibile.

Rispondi


claistron

Staff
10215 interventi
30/11/2013 14:07:27
A mio avviso non dovresti preoccuparti.

Il contratto stipulato con la controparte è esplicito, garantisce che gli impianti sono a norma, non possono risultare ora non conformi.

In realtà lo erano già prima, non conformi, passando dei tubi del gas all'interno di una diversa unità immobiliare, a vista.

Entrando nel merito, il proprietario sottostante è soggetto a "servitù di passaggio tubi", certificata in sede di contratto e di rogito.

Volendo annullare detta servitù, è lo stesso proprietario dell'unità immobiliare che dovrà sostenerne i costi.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
costruttore rivendica proprieta' dei posti auto pertinenziali dopo oltre 50 anni
ripensamento dopo decisione assembleare
addebito quota rscaldamento dopo rogito
informazioni da richiedere per verifica consumi dopo installazione ripartitori
addebito spese condominiali su immobile acquistato all'asta
pozzo condominiale e tubi di collegamento
assemblea, suo spostamento dopo la costituzione
guasti e riparazioni dopo l'acquisto
oneri dopo distacco da riscaldamento centralizzato
mancato rifacimento del tetto dopo sentenza
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading