Discussione: strada privata manutenzione

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

LMarin
Utente registrato
04/06/2013
14:45:20
Salve a tutti

vorrei una delucidazione da voi esperti circa la ripartizione delle spese per la manutenzione di una strada privata chiusa che collega varie villette con una strada pubblica. Le villette sono di grandezze , appartengono ad un unico proprietario indipendete ma alcune sono occupate da un'unica famiglia altre invece , essendo piu grandi, hanno al loro interno altri appartamenti occupati da inquilini.
Non sono stati ancora determinati i millesimi in precedenza

Come sono da calcolare le spese e i millesimi? la distanza di ciascuna a bitazione dall'ingresso della strada conta? Mi e' stato detto che non contano quanti appartamenti ciascuna villa abbia, e quindi quanta piu gente impegni la strada, ma che si considera solo il valore di ciascun edificio ..il che mi sembra strano. A parita di metri quadri ..chi ha una villetta non divisa in appartamenti occupata da una sola famiglia paga tanto quanto chi la una villetta simile metratura ma con 3 famiglie dentro?

infine il calcolo della cubatura parte dal livello strada o si tiene conto anche di garage/cantine o cmq locali sotto il livello stradale?

grazie



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

LMarin

Utente semplice
1 interventi
04/06/2013 14:54:50
chiedo scusa non vedo il tasto edit . Volevo specificare che le villette sono di grandezza diversa e appartengono ciascuno ad un proprietario diverso.

Rispondi


claistron

Staff
10169 interventi
04/06/2013 21:23:40
Ne ho parlato spesso nel forum, basterebbe fare una semplice ricerca; ho già inserito anche precisi fiferimenti giurisprudenziali ...

Comunque riassumendo: la strada privata al servizio di più unità immobiliari deve essere mantenuta da tutti i proprietari che posseggono unità immobiliari sulla strada stessa.

Non conta la "distanza" di ogni unità immobiliare dall'inizio, la strada è comunque di proprietà comune a tutti dall'inizio fino alla fine, lo ha ribadito la Cassazione.

Le spese dovrebbero essere ripartite tra i millesimi di tutte le unità immobiliari, non conta la distanza o il numero dei residenti.

In mancanza dei millesimi, le spese di ripartiranno tenendo conto dei valori catastali di tutte le unità immobiliari (immediatamente rilevabili dagli atti di rogito), salvo conguaglio quando sarà stata redatta l'apposita tabella millesimale, Cassazione.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
palo della luce in una proprietà privata
scrittura privata a distanza
contratto pluriennale manutenzione ascensore
scia alternata al pdc su proprietà privata per una pergola più aperture
e’ corretto che i negozi non paghino le spese di manutenzione del riscaldamento?
mancato intervento amministrazione per infiltrazioni proprietà privata
responsabilità dell'amm. per scopertura manutenzione impianti antincendio
manutenzione aree comuni da parte di condomini residenti
manutenzione straordinaria marciapiede giardino privato
schiamazzi in via privata ad uso pubblico (milano)
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading