Discussione: ripartizione spese depuratore

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
28/03/2006
17:41:06
L'amministratore, nel consuntivo, ha ripartito la spesa di manutenzione del depuratore degli scarichi condominiali dividendo l'importo per le unità abitative, e non per millesimi.
Premesso che il regolamento di condominio non prevede un criterio di suddivisione diverso, riferendosi semplicemente all'art. 1123, e che la stessa assemblea non ha mai deliberato l'adozione di una suddivisione 'ad hoc', vorrei sapere se questa delibera è da considerarsi nulla, annullabile oppure è pienamente valida.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10245 interventi
28/03/2006 19:40:59
Buongiorno Paolo

Presumo che il consuntivo presentato dall'amministratore sia stato approvato, magari all'unanimità o perlomeno a maggioranza.
La spesa per la manutenzione del depuratore, che è una conseguenza del consumo dell'acqua stessa, può essere deliberato dall'assemblea in deroga alle indicazioni del Codice.
Come il consumo dell'acqua, in mancanza di contatori di ripartizione, può essere legittimamente ripartito in base ai millesimi, in base alla superficie delle unità immobiliari, in base al numero di residenti, ecc. così anche le spese di depurazione delle acque consumate dai condómini possono essere ripartite in deroga.

In edifici dove non è prevista la depurazione e la stessa è compito della gestione comunale, la spesa di depurazione viene compresa nel consumo stesso dell'acqua pagata in bolletta e non certo per millesimi.
Ecco che la ripartizione in parti uguali può essere una delle forme di pagamento accettabili.

Naturalmente la decisione spetta all'assemblea e non certo all'amministratore, ma se avete approvato il bilancio consuntivo vuol dire che l'assemblea era consenziente.

Se ritieni di essere danneggiato hai comunque il diritto di impugnare la deliberazione entro trenta giorni (eri presente) davanti al giudice (non di pace) con l'assistenza di un legale; ne vale la pena?
L'eventuale controversia giudiziaria potrebbe portarti a notevoli spese senza il beneficio di una soluzione a te favorevole.

Staff


Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
ripartizione spese prospetto e terrazzo condominiale
ripartizione spese con impresa costruttrice
spese personali pulizie scale
spese individuali per recupero morosità
ripartizione spesa installazione nuovo autoclave.
attribuzioni spese frontalino balcone aggettante
attribuzione spese conricione sotto-stante la proprietà
attribuzione spese lastrico a negozi in parte coperti dallo stesso
pagamento delle spese per realizzazione cancello ingresso.
partecipazione alle spese per rifacimento portone ingresso condominio
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading