Discussione: Acquedotto condominiale, può diventare pubblico?

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Luca2011
Utente registrato
03/12/2012
15:12:15
Vivo in un appartamento che fa parte di un maxi-condominio. Fa parte del maxi-condomio un acquedotto che serve per asservire le palazzine facenti parte appunto del maxi-condominio. Recentemente sono state costruite 5 villette (non facenti parte del maxi-condominio) le quali si sono collegate “abusivamente” al nostro acquedotto e pretendono di non contribuire nemmeno alle spese di gestione.
La mia domanda è la seguente: al fine di eliminare ogni problema è possibile far diventare l’acquedotto condominiale pubblico? Questo in ragione anche del fatto che altri soggetti, non appartenenti al condominio lo stanno di fatto utilizzando?
Grazie a tutti coloro che mi lasceranno un consiglio/aiuto



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10226 interventi
03/12/2012 19:15:33
Non hai chiarito cosa intendi per acquedotto: captate voi stessi l'acqua e la distribuite, oppure l'acqua comunque proviene dalle tubature pubbliche?

Nel secondo caso, l'impianto condominiale è al servizio degli originali proprietari che l'anno acquisito in sede di acquisto delle unità immobiliari e certamente sarà citato nel regolamento "contrattuale" da tutti sottoscritto al momento del rogito.

Se nuovi utenti si allacciano, oltre a dover corrispondere la loro quota parte per il valore dell'acquedotto stesso, dovranno partecipare alle spese per la manutenzione ordinaria e straordinaria, oltre naturalmente a pagare l'acqua consumata in base al contatore che sicuramente sarà stato installato.

Devi valutare bene ed informarti su tutti i particolari.
L'originario costruttore potrebbe aver progettato il vostro acquedotto anche per il servizio che sarebbe stato prestato alle successive villette.

In questo caso nulla è dovuto dai nuovi allacciati se non la partecipazione alla manutenzione (guasti) e al consumo dell'acqua.

Rispondi


Luca2011

Utente semplice
1 interventi
04/12/2012 16:06:40
Scusatemi, sono stato poco chiaro.
- per acquedotto intendo che l’impianto prende l’acqua da tubature pubbliche. L’acquedotto condominiale ha un contatore, il consumo viene poi suddiviso tra i condomini che non hanno un contatore personale.
- Le case “abusive” invece hanno ognuna il proprio contatore installato dalla società pubblica locale preposta alla gestione delle risorse idriche, il contatore e l’arrivo dell’acqua sono collegati al nostro acquedotto. Dunque queste “case” abusive pagano l’acqua. È la società pubblica che eroga l’acqua che a parer mio non avrebbe potuto installare un contatore su un acquedotto privato (condominiale) per servire clienti terzi ed estranei al condominio.

Alla luce di questo vorrei proporre in assemblea di cedere l’acquedotto condominiale alla società pubblica che gestisce le risorse idriche della zona. Questo al fine di eliminare il maxi-condominio (costituito unicamente per la gestione acquedotto) e ulteriori costi futuri di manutenzione, nonché i problemi con queste case, che pur non facendo parte del maxi-condominio, si sono attaccate “abusivamente” all’acquedotto condominiale.

Io presumo che l’acquedotto, proprio in virtù del fatto che è utilizzato anche da queste case che non fanno parte del condominio, abbia tutti i requisiti per passare sotto la gestione pubblica.
Conoscete qualche sentenza nel merito?
L’acquedotto può diventare pubblico visto che utilizzato anche da altri cittadini al di fuori del condominio?


Grassieee....sto sbattendo la testa contro un muro!!

Rispondi


claistron

Staff
10226 interventi
05/12/2012 19:00:30
Ora sei stato chiaro.

Se possibile sarebbe opportuno chiedere di installare il contatore comunale "a valle" e dopo le ditamazioni degli altri allacci.
Questi ultimi hanno i loro contatori, quindi per il gestore pubblico non dovrebbero esserci problemi.

Devi controllare quindi se sia possibile installare il contatore del condominio "dopo" le diramazioni.

Se ciò non fosse possibile per problematiche di tubazioni, sarebbe opportuno spendere quanche euro e aggiungere una tubazione "vostra" dopo le diramazioni e lì far spostare il vostro contatore condominiale.

Con l'aiuto del tuo amico idraulico vedi se la cosa è possibile, quindi fai valere i vostri diritti presso il gestore.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
contratto acquedotto familiare a condominiale
diventare amministratore
servitù passaggio può diventare strada?
uso elettricità condominiale, è furto?
servitu' di acquedotto
assicurazione condominiale, sono obbligato?
possono separarsi dall acquedotto comune?
bassa pressione acquedotto
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading