Discussione: 2 tetti, 2 proprietà, 1 infiltrazione. Chi paga?

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

lucaluca
Utente registrato
02/12/2012
16:37:45
Buon giorno a tutti,
vorrei sottoporvi questo caso di infiltrazione di acqua meteoritica da tetto.
La differenza tra infiltrazione sul confine (spese condivise) e vicina al confine (spese non condivise) è minima, ed è per questo che chiedo a tutti voi.
Due palazzine autonome come ingressi e proprietà, ma costruite in aderenza (muro di spessore 50\60 con intercapedine), hanno stessa altezza e stessa pendenza del tetto.
Tetto "A" rifatto nel 1984, cemento armato, isolante, guaina impermeabile e coppi.
Tetto "B" rifatto nel 1995, legno, isolante, probabile guaina impermeabile e una sorta di "marsigliesi" in cemento.
Tetto "B" viene bucato nel 2009 (in occasione di una ristrutturazione globale della palazzina "B") per far passare il camino di sfiato della colonna scarichi lungo il muro confinante con "A" e fino ovviamente all'esterno sul tetto. Nell'occasione, gli operai sul tetto incrinano alcune "marsigliesi" del tetto "B" confinanti con i coppi del tetto "A". Le crepe vengono sigillate.
A distanza di qualche anno, l'appartamento sotto il tetto "B" lamenta infiltrazioni d'acqua sul muro di confine. La zona è quella dello sfiato e delle crepe sopra menzionate.
L'appartamento sotto il tetto "A" è secco e asciutto e non ha mai presentato problemi sul muro di confine.
Le proprietà del tetto "B" vogliono fare lavori sul tetto, rimuovendo la copertura del tetto sul confine (sia dalla parte di "A" che dalla parte di "B") e installando una conversa a cavallo dei due tetti, coinvolgendo finanziariamente le proprietà del tetto "A", perchè a loro dire è un obbligo di legge.
Ok, sarebbe un lavoro auspicabile perchè più sicuro per entrambi.
Ma c'è da considerare che allo stato di conoscenza attuale, l'infiltrazione avviene per lavori effettuati da "B" e probabilmente, anche se per pochi cm, per perdite che "partono" dalla loro proprietà.
Insomma in poche parole, "A" può essere obbligato ad effettuare e partecipare ai lavori?
"A" può dire a "B" di effettuare i lavori SOLO dalla loro parte perchè il danno è causato da lavori effettuati da loro e perchè ci sono danni solo dal loro lato?
Se si chiede a due esperti (uno per parte) di salire sul tetto e valutare la situazione e sono in disaccordo?
Grazie.
P.s.: ultimo dato importante; il tetto "B" presenta anche gocciolamento evidente proveniente da sotto il canale di gronda che ovviamente bagna il cornicione "B" ad appena 10 cm dal cornicione "A"...
Nessun problema invece dalla parte "A".
Perdonatemi la lunghezza!
Saluti



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10230 interventi
02/12/2012 20:26:25
Da quanto esposto sembrerebbe che non ci siano dubbi circa l'imputabilità delle spese, però ho ascoltato solo la "tua" descrizione, non quella della controparte che sicuramente avrà altre motivazioni da far valere ....

Se non arrivate ad un accordo tra le parti, sarà il giudice a dirimere la questione nominando un perito "terzo" (CTU) al quale farà riferimento per la competenza delle spese.

Nel vostro caso sarebbe auspicabile la "mediazione civile":

http://www.condomini.altervista.org/MediazioneObbligatoria.htm

che purtroppo ha un costo (forse anche maggiore del semplice intervento da te descritto).

Ecco perchè è assolutamente necessario trovare un accordo.


Rispondi


lucaluca

Utente semplice
3 interventi
02/12/2012 22:24:31
La cosa bella è che a parole alcuni di "B" hanno ammesso che probabilmente il danno è dovuto ai loro lavori.
Certamente un accordo è la cosa migliore.
Ma il discorso di "B" parte da: "noi siamo assicurati globalmente e quindi facciamo l'intervento più grande, perchè tanto non paghiamo noi..."
Supposto che "B" ha 5 condòmini e "A" ne ha 3...in caso di votazione "A" verrebbe comunque spazzato via.
In altre parole, "A" non ha nessun tipo di arma sulla scelta di "B" e sul tipo di lavoro da fare...tranne che pagare "10" (giudice - CTU -intervento - ecc) per non pagare "5" (solo intervento).


Rispondi


lucaluca

Utente semplice
3 interventi
02/12/2012 22:37:36
Un ulteriore dubbio mi è venuto sulla polizza assicurativa di "B": può essere usata per un danno preesistente alla data di stipula?
Saluti!

Rispondi


claistron

Staff
10230 interventi
03/12/2012 13:05:26
Le assicurazioni non sono enti di beneficenza.

Se il perito dell'assicurazione rileverà che il danno era precedente alla stipula, certamente si opporrà al rimborso.

Rispondi


lucaluca

Utente semplice
3 interventi
04/12/2012 02:14:54
In effetti è logico fuori da ogni dubbio.
Grazie tante!
Saluti

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
riparazioni interne per perdita fecale. chi paga?
chi decide, chi paga?
adeguamento impianto metano esistente: chi paga?
sostituzione dei pezzi della caldaia chiè paga?
incendio tetto, chi paga?
risarcimento danni, chi paga?
perdite dal balcone, chi paga?
condomino inadempiente. chi paga?
rifacimento del muro interno dei balconi: chi paga? parte comune o proprietario corrispondente?
tabella millesimale c chi paga?
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading