Discussione: cani nel giardino privato

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

falcone44
Utente registrato
17/12/2011
12:34:54
L'affittuario tiene in un cortile privato un cane che da fastidio abbaiando piuttosto frequentemente e si è dimostrato, tra l'altro, aggressivo al di fuori del condominio. L'amministratore diffida il padrone dell'appartamento affinchè intervenga nei confronti dell'inquilino per disfarsi del cane a norma del regolamento assembleare di maggioranza che proibisce di tenere animali che diano fastidio ai condomini.
In assenza di delibera, può l'amministratore diffidare il proprietario perchè provveda contro l'inquilino assunto che il cane si è dimostrato aggressivo all'esterno del condominio? Grazie.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10215 interventi
17/12/2011 14:00:10
Le norme sono contenute nel famoso "decreto Sirchia".

Al di fuori del condominio l'amministratore non ha competenza.

Trovi tutto ciò che ti serve al "solito" link:

http://www.condomini.altervista.org/AnimaliMolesti.htm



Rispondi


falcone44

Utente semplice
5 interventi
17/12/2011 23:45:07
Ho letto tutto con interesse , ma specificatamente mi interessava sapere se l'amministratore deve intervenire per la molestia del cane per l'abbaiare continuo diffidando il proprietario dell'appartamento o rivolgendosi all'affittuario e proprietario del cane.Grazie


Rispondi


claistron

Staff
10215 interventi
18/12/2011 14:28:41
I rumori e le molestie di animali sono di competenza del singolo.

Infatti è necessaria la querela di parte.

L'amministratore ha competenza sulle parti comuni dell'edificio, non sui latrati del cane di un singolo proprietario o affittuario.

La competenza è del Giudice di pace, leggi al "solito" link:

http://www.condomini.altervista.org/GiudicePace.htm

Rispondi


falcone44

Utente semplice
5 interventi
18/12/2011 18:44:12
Grazie, ma allora questa massima cosa significa? L'amministratore me l'ha inviata unitamente alla diffida a provvedere a far rispettare il regolamento di condominio tra l'altro, non contrattuale, ma approvato a maggioranza dei presenti e non registato.

Cassazione: il conduttore non rispetta il regolamento condominiale? E' responsabile anche il locatore

La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 11383/2006) ha stabilito che il locatore a fronte del reiterato inadempimento del conduttore al regolamento condominiale, richiamato dal contratto di locazione, ha lo strumento giuridico per riottenere la disponibilità dell'immobile. I Giudici di Piazza Cavour hanno quindi precisato che il non avere attivato il suddetto strumento giuridico lo rende a sua volta inadempiente all’obbligo del rispetto del regolamento di condominio, da ciò derivando la sua responsabilità nei confronti del condominio e degli altri condomini. null

Rispondi


claistron

Staff
10215 interventi
18/12/2011 23:06:56
Il riferimento giurisprudenziale non si adatta al tuo caso ....

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
caldaia e stendibiancheria in giardino privato
coefficienti per giardino in tabelle millesimali
taglio giardino condominiale e adeguamento garages
responsabilità rami sporgenti da giardino pensile privato
caminetto fisso ai confini di giardino
manutenzione straordinaria marciapiede giardino privato
piante in giardino comune a uso esclusivo
posto auto privato in un garage condominiale
installazione pergotenda su terrazzo nel giardino di proprietà
ri-apertura portafinestra con affaccio su giardino altrui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading