Discussione: Realizzazione muro di contenimeto artificiale

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

dimilusa
Utente registrato
05/11/2011
15:01:57
il mio confinante ha un terreno a disvlivello che da un piano di campagna iniziale pari a zero scende verso il mio a - mt. 1,30.
I nostri giardini sono delimitati da una rete di recinzione che parte in verticale dal fabbricato condominiale esistente fino ad un altro lotto di terreno di altra proprietà.
Sul lato del fabbricato, in prossimità della rete di confine, fin dal 1956 c'è il mio balcone e la finestra della mia camera.
Il confinante sta realizzando un innalzamento del livello del terreno, creando un livellamento artificiale dello stesso e, alo stesso tempo, realizzando un muro di contenimento in cemento armato.
Tutto questo nuovo perimetro è stato realizzato a 0,50 cm. dalla rete di confine e dal balcone e a 0,85 cm. dalla finestra.
In questo modo, con l'innalzamento di questo muro di contenimento a confine e con la futura pavimentazione del terreno, io non sarò più tutelato nella privacy poichè il confinante si affaccia sulla mia veduta.
Ho fatto intervenire i vigili urbani che hanno redatto verbale per mancanza di DIA. Alla mia domanda se le opere in cemento armato eseguite per realizzare un muro strutturale di contenimento vi fosse il parere del Genio Civile, essendo la zona dichiarata sismica, questi rispondevano che non era necessario, bastava solo una DIA.
Ho appreso che il confinante ha richiesto autorizzazione in sanatoria delle opere eseguite, sono andata così a parlare con il dirigente tecnico comunale esponendo quanto sopra, dal genio civile, al muro artificiale di contenimento, alla mancanza dei distacchi previsti dal codice civile, nonchè al fatto che erano state scoperte le fondamenta del fabbricato per realizzare una scala interrata in cemento armato.
Il dirigente mi ha risposto che l'autorizzazione in sanatoria è un atto dovuto ma che avrei potuto far valere le mie ragioni in sede di causa civilistica.
Sono rimasta delusa, cosa devo fare? Grazie.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10155 interventi
05/11/2011 22:16:11
Innanzitutto controlla le "distanze" previste dal Codice:

http://www.condomini.altervista.org/distanze.htm

Per poter intraprendere un ricorso giudiziario è indispensabile procurarsi una perizia tecnica redatta da un professionista.

Ricorda che è in vigore la "mediazione civile" obbligatoria.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
pagamento delle spese per realizzazione cancello ingresso.
sfiato canna fumaria di un negozio a muro
canna fumaria nel balcone ovvero "buco nel muro"
rifacimento muro di contenimento
apertura finestre su muro perimetrale condominiale.
nuovo scarico per realizzazione 3° bagno
apertura finestra su muro condominiale
muro di confine tra 2 proprietà
realizzazione box su posto auto scoperto.
apertura varco in muro portante interno. necessaria autorizzazione condominio?
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading