Discussione: dubbi su diritti e sulla proprietà di un terreno

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

*cannella*
Utente registrato
26/07/2011
19:06:13
Salve, mi serve un parere legale circa un terreno confinante con la mia proprietà.La casa che ho acquistato ad Aprile 2011 era inizialmente di un'unico proprietario;in seguito alla sua morte il figlio,Giorgio,ha diviso la villa in 3 appartamenti (totale di 5 subalterni,di cui 2 sono beni comuni non censibili,di pertinenza allo stabile) ed il terreno circostante in 4 particelle: 1 per ogni casa e la quarta,oggetto di discussione (che poi è quella che collega la proprietà alla strada),avrebbe dovuto divenire corte comune,ma così non è stato. Io e mio marito abbiamo acquistato 2 delle 3 unità,mentre la terza è della Sig.Barbara;ora,in catasto la terra risulta di proprietà di Giorgio per 1/1,la mia venditrice afferma che la terra è in comune,ma sul suo atto le parti comuni non sono specificate (nemmeno i 2 sub di cui sopra), mentre nell'atto di Barbara c'è scritto: "...con i proporzionali diritti condominiali sulle parti comuni del fabbricato,parti che sono individuate dal sub ... , e sulle due aree scoperte annesse al fabbricato,aree che sono individuate rispettivamente dal sub ... e dalla particella 1303 ...:sull'area individuata dalla particella 1303 i diritti condominiali spettanti agli acquirenti sono pari ad 1/3." Ho contattato Giorgio per avere delucidazioni in merito e lui la prima volta ha detto di averla ceduta come corte comune (sbigottito da quanto riportato nell'atto della vicina,cito:"e come ha fatto a farsi mettere sta cosa?"),mentre la seconda volta ha sostenuto che fosse effettivamente sua per il semplice fatto che lui non l'aveva mai venduta per lasciarci i cavalli in attesa del trasloco definitivo (onde evitare di vedere le bestiole buttate per strada), avvenuto il quale l'ha lasciata "in gestione" come corte comune. La vicina sostiene di esserne proprietaria per 1/3 e comproprietaria con Giorgio e mi ha diffidato dal mettere piede sul terreno,mentre a Giorgio di questa terra non importa nulla e non vuole averne niente a che fare...io non ci sto capendo più nulla, ma prima di iniziare qualunque azione legale,sto cercando di capire in che posizione ci troviamo io e mio marito e se effettivamente ci spettano dei diritti su questo terreno (a parte il diritto di passaggio,che Barbara comunque non ci ha mai negato). Grazie in anticipo per l'aiuto che vorrete darmi



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10157 interventi
26/07/2011 20:45:39
Troppo complicata la situazione per darti una risposta certa.

Devi metterti nelle mani di un professionista locale (geom. ing....)

Gli atti notarili non sono vangelo! Anzi spessissimo sono errati o mal redatti.

Fa testo la visura presso l'agenzia del territorio o la planimetria catastale (non sempre).

I documenti certi, le scritture private, ecc. devono essere registrati presso l'Agenzia per avere valore probante, il notaio può commettere errori magari considerando attendibili le indicazioni di un professionista e non avendo fatto "tutte" le debite visure.

Insomma, chi vanta determinati diritti su aree contestate deve dimostrarne la proprietà e non certo solo con un atto notarile (di parte).

Rispondi


*cannella*

Utente semplice
5 interventi
26/07/2011 21:01:51
In catasto l'unico proprietario risulta essere Giorgio (purtroppo ho fatto i debiti controlli con un certo ritardo...),e le sue versioni cambiano a seconda del tempo...potrei chiedere al geometra che fece le divisioni nel 2008 se ha un qualche pezzo di carta che attesta la destinazione che avrebbe dovuto avere questa particella? E dell'atto della vicina Barbara che mi dici? Può vantare 1/3 della proprietà o si parla solo di generici diritti condominiali?

Rispondi


claistron

Staff
10157 interventi
27/07/2011 23:18:03
Ti ho già risposto sopra.

Appare necessaria una visura presso l'ufficio dell'Agenzia del territorio.

Rispondi


*cannella*

Utente semplice
5 interventi
29/07/2011 11:18:17
L'ho già fatta la visura presso l'Ag. del territorio,infatti è da lì che ho scoperto che l'unico proprietario risulta essere Giorgio; l'unica soluzione appare una rettifica dell'atto della mia venditrice e poi del mio. Anche lo studio tecnico che ha eseguito la dia sulla villa e sui terreni mi ha confermato che quella particella era destinata a corte comune, solo che essendo terreno tassabile deve per forza essere citato nell'atto (a differenza dei 2 sub che sono beni comuni non censibili) altrimenti lo Stato a chi le chiede le tasse?

Ps. quanto può costare una rettifica?

Rispondi


claistron

Staff
10157 interventi
29/07/2011 21:54:35
La rettifica dovrebbe farla chi ha commesso l'errore o, se d'accordo, entrambe le parti.

Visto che ora si fa tutto online, il costo di simile rettifica appare quasi nullo, sarà però necessario parlare anche col notaio che ha redatto l'atto che appare controverso.

Rispondi


*cannella*

Utente semplice
5 interventi
18/11/2011 13:10:33
Ciao a tutti, sono di nuovo qui perché ho nuove informazioni sul mio problema. Intanto la terra in questione risulta essere al 100% di Giorgio: intanto lo dice lui e lo conferma l'interrogazione fatta in Conservatoria (la mia vicina non è e non è mai stata minimamente proprietaria in nessuna parte di questo terreno). Al che ho chiesto alla Conservatrice cosa significasse quell' 1/3 di diritto condominiale e mi ha risposto che probabilmente si riferisce alla servitù di passaggio (coattiva,visto che è l'unico modo per raggiungere la strada). Ora, siccome ho fatto a Giorgio la proposta di vendermi la terra e lui ha accettato, sono andata dal mio notaio di fiducia a chiedere spiegazioni su questa "ambiguità" e sono venuta a sapere che il diritto condominiale si può avere solo su parti comuni non censibili e non di certo su proprietà altrui....allora come è stato possibile questo fatto? C'è una bella differenza tra lo scrivere "servitù di passaggio sulla particella 1303" e " sull'area individuata dalla particella 1303 i diritti condominiali spettanti agli acquirenti sono pari ad 1/3": non posso credere che il notaio abbia "confuso" la terminologia...voi che ne pensate? E' stato appurato che la terra la posso comprare tranquillamente senza avere problemi, però vorrei capire come inquadrare questa cosa.

Grazie di nuovo

PS: una volta Barbara disse "combatto per questa terra perché ho sganciato 1500€ in più per farmi mettere 'sta cosa nell'atto" ...non saprei come interpretare queste parole...

Rispondi


*cannella*

Utente semplice
5 interventi
18/11/2011 14:28:29
Tra l'altro leggo sul portale studiocataldi.it "un terreno di proprietà di 2,3 o più persone è soggetto alla disciplina della comunione e mai potrà essere oggetto di disciplina condominiale": figuriamoci che quì il proprietario è sempre stato uno solo...

Rispondi


claistron

Staff
10157 interventi
18/11/2011 22:08:17
Quando i proprietari sono più di uno, si configura la "comunione", non necessariamente il condominio.

Nel tuo caso però potrebbe essere vantata l'usucapione.

Leggi al "solito" link:

http://www.condomini.altervista.org/SentenzeUsucapione.htm

Rispondi

Pagina: Successiva »»

1 | 2 |



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
attribuzione spese conricione sotto-stante la proprietà
palo della luce in una proprietà privata
vendita 50% proprietà indivisa
lavori su terrazzo di proprietà esclusiva
ripartizione spese riparazione infiltrazioni terrazza di proprietà e uso esclusivo per cene e feste
diritti su area promiscua
nuovo regolamento sulla privacy
scia alternata al pdc su proprietà privata per una pergola più aperture
tentativo di usucapione e millesimi di proprietà
mancato intervento amministrazione per infiltrazioni proprietà privata
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading