Discussione: Atto di precetto su sentenza che condanna il condominio...

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

kyris
Utente registrato
25/03/2011
17:55:49
Come tutti voi sapete, a seguito della sentenza della Corte di Cassazione SS.UU. n. 9148/2008, ciascun condomino risponde delle obbligazioni del Condominio nei limiti dei millesimi di proprietà che gli competono.
In altre parole, ove non si voglia procedere per l'intero direttamente contro il condominio, occorre redigere e notificare un atto di precetto per ogni condomino, avendo cura di calcolare la somma dovuta dal Condominio, pro-quota.
La questione è questa: in ogni singolo atto di precetto vanno inserite le voci: "Posizione ed archivio, Disamina tit. esecutivo,Accesso alla cancelleria , Richiesta copie esecutive
Ritiro copie sentenza, Accesso alla Cancelleria" ?
A rigor di logica, considerato che queste voci si riferiscono all'unica sentenza, dovrebbero essere precettate solo una volta, o sbaglio?
Mentre, andrebbero precettate per ogni atto di precetto, tutte le voci relative all'atto di precetto appunto.
Chiedo lumi, please :)



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10215 interventi
25/03/2011 20:48:51
Vale la pena di leggere la sentenza n. 6693 dell’11 marzo 2009 emessa dal Tribunale di Napoli.

Si evidenzia in modo esaustivo la procedura corretta, dopo la famosa sentenza della Cassazione a sezioni unite.

(Il Giudice dell’esecuzione di Napoli, ai sensi dell’art. 654, II comma, c.p.c., ha ritenuto sufficiente la notifica effettuata all’amministratore pro tempore del condominio, notifica effettuata dal creditore ai sensi dell’art. 643, II comma, c.p.c., con menzione nel precetto del provvedimento che aveva disposto l’esecutorietà e dell’apposizione della formula, al fine di poter poi validamente intraprendere una azione esecutiva nei confronti del singolo condomino basata su un decreto ingiuntivo emesso nei confronti del condominio senza la necessità di una nuova notifica del titolo esecutivo e del precetto al condomino interessato, il tutto in deroga all’art. 479 c.p.c........)

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
validità contratto di locazione non prorogato.
responsabilità amm. su stipula contratto di appalto
registrazione contratto di comodato?
cambiare motivo di recesso di contratto affitto
spese condominio bon non iscritte nel contratto di locazione
contratto di affitto aggiunta.
contratto di affitto.
amministratore senza contratto
atto di citazione nei confronti del condominio
contratto pluriennale manutenzione ascensore
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading