Discussione: VARIAZIONE DELLE TABELLE MILLESIMALI

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

dimilusa
Utente registrato
11/03/2011
22:20:35
Tra qualche giorno ho una riunione dove si discuterà delle revisione delle tabelle millesimali.
infatti, alcuni condomini, compreso me, hanno sollevato il problema che le tabelle del tetto includono anche la copertura del terrazzo che è al di fuori del tetto, di conseguenza se si deve manutentare il tetto noi ci rientriamo in base alle tabelle e se si deve manutentare il terrazzo ci rientrano solamente le unità sottostanti sempre con le tabelle millesimali della copertura di tutto il tetto.
Noi vorremmo scorparare l'ala del terrazzo da qualle del tetto così da avere due riparti differenti ma veritieri.
Il problema è che questa è la 3 volta che si porta in discussione detta variazione con il risultato che siccome non c'è la maggioranza, l'amministratore non fa discutere il punto.
Esiste una normativa che ci consente di chiamare in causa i condomini che non permettono la discussione del punto elativo alle tabelle, anche perchè il terrazzo è da manutentare perchè all'immobile sottostante ci sono infiltrazioni di acqua.
Grazie



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10157 interventi
11/03/2011 23:37:18
Il vostro caso è regolato dal 3° comma dell'art. 1123 del Codice Civile, ad esso bisogna fare riferimento.

Una ripartizione delle spese che non rispetti questo dettato è irregolare e può essere impugnata da qualsiasi proprietario entro i fatidici 30 gg.

Fallo presente all'amministratore possibilmente diffidandolo a mezzo raccomandata ad applicare ripartizioni delle spese diverse da quanto imposto dal Codice.

Resta il fatto che se "tutto" il condominio ha sempre partecipato alle spese sia del tetto sia del lastrico con la tabella generale e ciò non è mai stato contestato in precedenza, allora la ripartizione è legittima per "facta concludentia" (Cassazione).

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
definizione di condomino ai fini dell'applicazione della limitazione delle deleghe (art. 21 l. 220/2
pagamento delle spese per realizzazione cancello ingresso.
mancate assemblee di bilancio per riunioni per tabelle millesimali
suddivisioni senza tener conto delle tabelle millesimali
spostamento porta - variazione catastale?
calcolo tabelle millesimali - coefficienti
modifica tabelle millesimali per aumento superficie di più di 1/5
decreto lgs. n.31/2001" l'igiene delle acque distribuite per il consumo umano"
coefficienti per giardino in tabelle millesimali
revisione tabelle millesimali per cambio di destinazione d'uso
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading