Discussione: Acquisto prima casa da italiana all'estero iscritta all'AIRE

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Lodovica
Utente registrato
21/12/2010
20:48:14
Salve, sono di nazionalita Italiana (ma nata all'estero e sempre vissuta all'estero, in Europa). Adesso vivo in Inghilterra. Il mio fidanzato ed io abbiamo una casa qui col mutuo.

Io vorrei comprare una casa o appartamento in contanti in Abruzzo tra poco, come piccolo investimento, ma soprattutto, per avere qualcosa in Italia perche vorremo probabilmente spostarci tra 5-10 anni. Sarebbe la mia prima casa acquistata in Italia.
Vorrei affittare la casa o appartamento con contratto annuale e pagamenti mensili a una famiglia o studenti. O, siccome forse scegliero un appartamento vicino al mare, pensavo invece affittare a vacanzieri alla settimana per un introito meno regolare ma piu alto, il ch e ci permetterebbe di usare l'appartamento ogni tanto.

Per info, ho un codice fiscale. Non ho un conto in banca in Italia.

Mi sembra si aver capito che irrespettivamente da se affitto o no, se NON DIVENTO RESIDENTE N ITALIA ENTRO 18 MESI, non posso dire che l'acquisto e la mia prima casa Italiana. E giusto questo? Quindi dovrei comprare come seconda casa e pagare 10% sul prezzo catastale?

Potreste quindi per favore, nel caso di un acquisto di SECONDA CASA DA ITALIANA ALL'ESTERO (se ha importanza), dirmi quanto sarebbero i costi approssimativi di un acquisti? Ho paura di dimenticare qualcosa e di ritrovarmi senza soldi per pagare qualcosa...

Fin'ora so che ci sono:
- Prezzo d'acquisto: per esempio EUR 110,000
- 10% del prezzo catasto (per esempio catasto EUR 35,000 in base a un appartamento che mi interessa1500): EUR 3,500
- 3% commissione agenzia: EUR 3,300
- Notaio: EUR 1500 ??? (ovviamente dovrei chiedere preventivi ma e un'idea in base a quello che ho letto e il famoso sconto del 20% che ho letto che bisogna chiedere!?)

TOTALE EUR 118,300 (non avrei bisogno di mutuo)

Mi sono dimenticata di qualcosa?

Vi ringrazio del vostro aiuto.




Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10155 interventi
22/12/2010 11:44:05
Sbagli i conteggi.

Il costo su cui calcolare l'Iva o l'imposta di registro è il "reale" prezzo di acquisto.

Visto che ora la tracciabilità dei pagamenti è obbligatoria, visto che dovrai pagare il bene con assegno, bonifico, ecc. davanti al notaio, non puoi "ingannare" l'Agenzia delle Entrate indicando "solo" un prezzo che sia il valore catastale moltiplicato 100.

Solo se riesci a fare dei pagamenti in "nero" potresti aggirare la norma, il notaio sarà più chiaro in materia.

Se vuoi conoscere tutte le norme sulle agevolazioni "prima casa", visto che ne abbiamo parlato centinaia di volte nel forum, trovi tutto ciò che ti serve al "solito" link:

http://www.condomini.altervista.org/PrimaCasa.htm

http://www.condomini.altervista.org/AgevPrimaCasa.htm

Rispondi


Lodovica

Utente semplice
2 interventi
28/12/2010 03:42:44
Ti ringrazio della risposta, ma non la capisco. Vorei anche precisare che non vivo in Italia e quindi mi e difficile seguire e capire tutto cio che vi succede ( ho vissuto in tanti altri paesi e capisco e conosco molto meglio il sistema legale e immobiliare inglese, lussembughse, belga, francese... ma quello italiano mi e oscuro).

Quello che io avevo capito della legge Italiana (e di certo non cercavo di fare niente al nero, anzi!) era che:

- se si acquista una casa nuova dal costruttore bisogna pagare l' IVA sul valore reale: 10% nel caso della 2a casa (o 4% se fosse stata la 1a)

- se si acquista da privato con agenzia o senza una casa pre-esistente si paga l' imposta di registro calcolata sul VALORE CATASTALE: 7% se 2a casa (o 3% se 1a casa)

Nella prima email mi ero confusa pensando fosse 10%, con l'IVA. E ci sono ovviamente altre spese e tasse da pagare che ho visto, ma a meno che questa sia una vecchia legge, mi sembra aver letto la stessa cosa in molti siti. Potete confermarmi se cio e ancora valido? Se NON E VALIDO, allora potete chiaramente dirmi da quando non lo e? Ricordatevi che non ci capisco molto, e che non sono una "vara" Italiana come voi, spiegatemi le cose con parole semplici per favore. Tante grazie.

Rispondi


Lodovica

Utente semplice
2 interventi
28/12/2010 03:48:32
Preciso che io sono solo interessata a comprare un appartamento o casa pre-esistente (non nuovo/a), e quindi da quel punto di vista parlavo del 7% del valore catastale (inizialmente 10% in errore), per la seconda casa, da italiana all'estero.

Grazie.

Rispondi


claistron

Staff
10155 interventi
28/12/2010 12:05:47
Nessun problema ...

L'indicazione del valore catastale moltiplicato 100 è la prassi naturale da applicare in caso di compravendita.

Non sussistono problemi in caso di eventuale accertamento da parte dell'Agenzia delle Entrate.

Ti ho solo avvertito che se il valore "dichiarato" in sede di compravendita davanti al notaio (valore catastale X 100) è diverso dal valore "reale" pagato con documento certo: bonifico, assegno, ecc. scatta l'accertamento e la relativa sanzione.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
come impugnare prima di una assemblea.
dimissioni dell'amministratore prima del bilancio
informativa nella prima assemblea utile
diritto di passaggio in casa per accedere ad un lastrico solare
ampliamento autorizzato dall'assemblea con ex legge "piano casa"
pagamento prima rata 2018 senza approvazione preventivo
acquisto lembo di terreno dal comune: in millesimi o parti uguali?
recesso contratto affitto prima dei 6 mesi di preavviso
causa e spese straordinarie pendenti in acquisto casa
vendita casa a due acquirenti contemporaneamente
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading