Discussione: Definizione condominio

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

alexiam
Utente registrato
27/10/2010
15:39:17
Buongiorno,
vorrei sapere quando un'abitazione viene definita condominio. Abito in una palazzina di 4 appartamenti e 2 magazzini, per un totale di propietari. In origine la casa era in comune a 2 propietari, con gli eredi di uno dei 2 è stato poi fatto un atto di divisione in parti uguali, lato A e lato B indicati su 2 mappali differenti, ciascuno con 1 magazzino e 2 appartamenti. In seguito è stato poi tutto frazionato arrivando allo stato attuale.
Sull'atto notarile è specificato che sono parti comuni l'impinato idrico (che stiamo per dividere), il vano scale, i passaggi e gli scarichi. Vorrei capire se ora siamo diventati ufficialmente un condominio e se altre parti quali tetto e facciata sono comunque da considerarsi comuni anche se non specificatamente indicati come tali sull'atto di divisione. Non dovrebbero essere anch'essi divisi in quanto localizzati su 2 mappali diversi?
Vi ringrazio



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10158 interventi
27/10/2010 18:19:48
Il condominio è "di fatto" quando vi siano almeno due proprietari.
Non è obbligatorio nominare un amministratore quando i proprietari sono meno di 5.

I muri perimetrali dell'edificio sono beni comuni condominiali, così come il tetto e tutti gli impianti comuni.

Per entrare nel merito e conoscere "tutto" sul condominio collegati al "solito" link:

http://www.condomini.altervista.org/

Rispondi


alexiam

Utente semplice
1 interventi
27/10/2010 18:33:36
Ti ringrazio, avevo già visitato il sito indicato ma non mi è chiaro se, in seguito all'atto di divisione e successivo frazionamento, siamo da definirci un unico condominio o 2 condomini distinti con la comunione di alcuni servizi
Grazie

Rispondi


claistron

Staff
10158 interventi
27/10/2010 20:09:51
Potreste essere definiti "supercondominio", ma l'impostazione non cambia molto.

Le spese a carico dell'uno o dell'altro complesso si ripartiscono in base all'art. 1123 del Codice Civile.

Se vi è un unico immobile, la ripartizione delle spese è ancora più agevole.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
maggioranza per elezione delegato al super-condominio
definizione di condomino ai fini dell'applicazione della limitazione delle deleghe (art. 21 l. 220/2
assemblea delegati in super condominio
revoca mandato delegati super-condominio
tredicesima all'amministratore di condominio
partecipazione alle spese per rifacimento portone ingresso condominio
numero minimo di ui per definire un super-condominio
un condomino può farsi assistere nella riunione di condominio dal suo avvocato?
condominio senza amministratore ad insaputa dei condòmini
spese condominio bon non iscritte nel contratto di locazione
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading