Discussione: Ristrutturazione tetto e facciate non più procrastinabile

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

dubbiosa
Utente registrato
12/07/2010
18:15:25
Ciao a tutti, rieccomi con nuovo quesito:

mi trovo nella condizione di dover rifare facciate e tetto di una colonica ( siamo 3 proprietari, ma uno ha già proveduto a ristrutt la suo porzione in angolo ), ormai filtra acqua da ogni dove, la facciata e le grondaie sono fatiscenti; francamente sono stanca di intervenire "a pezzi" per risolvere i guasti mensili e buttando soldini inutilmente.
L'altro proprietario intenderebbe attendere in prospettiva di un'ipotetica vendita della sua unità, dopo anni però non intendo più aspettare; come posso, se posso, prentendere un intervento di ristutturazione per il mantenimento della cosa comune?



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10156 interventi
12/07/2010 19:49:48
Ne ho parlato spesso nel forum.

Ti viene in soccorso l'art. 1110 del Codice Civile.

Invia una raccomandata ai tuoi vicini e avvertili che hai intenzione di avvalerti dell'articolo citato.

Se la lettera fosse inviata da un avvocato avrebbe sicuramente più effetto.

Rispondi


dubbiosa

Utente semplice
4 interventi
13/07/2010 16:48:12
Grazie!

un solo chiarimento: in assenza di tabelle millesimali (qt è il mio caso), è suffic il valore catastale o esiste un criterio preciso da applicare per la suddivisione delle spese di ristrutturazione? per es. alcune porzioni del ns. tetto coprono - su tutti e tre i piani (soffitta compresa)- solo locali dello stesso proprietario, immagino che la spesa sarà in questi casi "in carico eclusivo". Esiste una normativa cui potermi riferire?

Ti saluto cordialmente

Rispondi


claistron

Staff
10156 interventi
13/07/2010 19:44:13
L'ho spiegato decine di volte nel forum.

La Cassazione ha ribadito che in mancanza delle tabelle millesimali, le spese si possono attribuire secondo il valore "catastale", salvo conguaglio quando saranno approvate le tabelle definitive, oppure secondo qualsiasi criterio quando "tutti" sono consenzienti.

http://www.condomini.altervista.org/CoefficientiMilesim.htm

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
lavori di ristrutturazione e ripartizione costi
ripartizione spese intervento tetto condominiale
tinteggiatura facciate spese straordinarie
rispetto decorso architettonico condominio orizzontale
infiltrazioni d’acqua dal tetto condominiale
suddivisione spese da infiltrazioni negli appartamenti sottostanti una terrazza e parte del tettocon
linea vita su tetto condominiale
metodo suddivisione spese di ristrutturazione facciata
quorum deliberativo lavori copertura tetto
agevolazioni fiscali mutuo ristrutturazione seconda casa
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading