Discussione: concessione d'uso o affitto :dove sta la differenza

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

biancarosa
Utente registrato
02/06/2010
19:00:27
Non so se è la sezione del forum giusta per cui chiedo scusa anticipatamente.
Accade che il Comune ha chiesto ai comproprietari di una palazzina con 4 appartamenti e con tantissimo spazio attorno incolto alla periferia del paese, la concessione in uso del terreno per farci un posteggio pubblico. Uno dei comproprietari non è daccordo. E pare che non si possa fare niente in quanto la maggioranza al Comune non basta (3 su 4). Dice che necessita che tutti siano d'accordo! Sinceramente sapevo che per affittare un locale o un terreno in comunione o in condomio bastasse l'approvazione della maggioranza. Ma c'è qualche differenza tra affitto e concessione d'uso? Non si tratta sempre di locazione.Esistono norme che fanno la differenza? Grazie. Distinti saluti Bianca.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10154 interventi
02/06/2010 21:39:56
Con la "cessione in uso" del terreno in oggetto, se a tempo indeterminato, cedete definitivamente il bene.
Penso che vi sia stato proposto almeno un corrispettivo, anche se minimo.

Visto che la pratica deve essere fatta tramite notaio, è logico che sia necessaria l'unanimità dei consensi.



Rispondi


biancarosa

Utente avanzato
13 interventi
02/06/2010 22:32:50
No, non è a tempo indeterminato, ma solo per il periodo estivo e con un corrispettivo da stabilire. Il Comune poi lo darebbe in gestione ad un privato.(Notizie fresche). Il notaio per una concessione d'uso di tre mesi non servirebbe a niente, basterebbe, penso, un contratto di affitto privato da registrare perchè i proprietari avranno un introito da dichiarare. Insomma non ci capisco niente e non vedo perchè lo chiamano concessione d'uso e non affitto! Scusami claistron, non riesco a trovare l'art. del codice civile che disciplina la concessione d'uso nè quello dell'affitto. Mi puoi dare una mano? Grazie. Saluti. Bianca

Rispondi


claistron

Staff
10154 interventi
03/06/2010 08:45:15
La differenza tra concessione in uso e affitto non cambia ai fini fiscali.

In questo caso, essendo temporanea, basta un normale contratto scritto (necessaria la registrazione ... onerosa).

Resta il fatto, purtroppo, che l'introito per il condominio, dovrà essere dichiarato nella dichiarazione dei redditi pro quota da ogni proprietario (Agenzia delle Entrate).

Tra costo di registrazione e tasse, probabilmente vi conviene la cessione "gratuita" temporanea.

Rispondi


biancarosa

Utente avanzato
13 interventi
03/06/2010 11:32:38
Grazie claistron, ora ho capito perchè il comproprietario dissenziente non vuole concedere: il Comune non vuole registrare il contratto e dopo aver avuto in concessione temporanea il terreno lo vuole dare a sua volta in gestione ad un privato. Tra l'altro il condomino dissenziente afferma che trattandosi di un tempo eccedente la settimana il parcheggio deve essere organizzato a regola d'arte per cui ci saranno lavori di una certa consistenza e teme che il Comune non uscirà più. Comunque,la cosa ora sembra strana anche a me. Sta soria che lo vuole in concessione d'uso e poi non lo gestisce in proprio e lo affida ad altri ed il parcheggio diventa oneroso per i cittadini effettivamente mi lascia perplessa. Il mio compagno afferma, invece che non esistono pericoli: basta mettere nero su bianco specificando i doveri del Comune e i limiti della concessione. Se le cose si dovessero mettere male c'è sempre la possibilità di registrare il contratto e farlo valere. Vedremo cosa nascerà! Saluti. Bianca

Rispondi


claistron

Staff
10154 interventi
03/06/2010 16:39:43
Da queste ultime due considerazioni sembra che la cessione sia addirittura "momentanea", (per un avvenimento).

In questo caso, come succede un po dappertutto, basta la parola; si concede l'area per l'avvenimento con l'impegno del ripristino come in origine.

Meglio tener lontani notai, e uffici fiscali.

Rispondi


biancarosa

Utente avanzato
13 interventi
03/06/2010 23:52:56
Ho parlato della questione con un capo ufficio tecnico di un paese limitrofo e mi ha consigliato almeno una scrittura da cui si evinga quali sono i doveri del Comune. Il Comune dovrà pagare per cui non potrà farlo in nero!
La cessione momentanea secondo la prassi locale per costituire un parcheggio è da riferire alle feste padronali e la durata massima è di una settimana e il parcheggio resta sotto la sorveglianza assidua a turno dei vigili urbani.
Se supera la settimana, come in questo caso, che lo si chiede in concessione per circa tre mesi, non può essere allestito alla meno peggio: dei lavori per la minima sicurezza dovranno pur farli e dovrà restare traccia dei pagamenti sia quelli che il Comune dà ai proprietari sia quelli che l'incaricato riceve per la sosta oraria. Il Comune ha formalizzato la richiesta con lettera scritta chiedendo se siamo disponibili e quanto vogliamo in termini monetari.Sto maturando l'impressione che sia tutta una farsa e che la lettera sia stata fatta per accontentare alcuni hotel e ristoranti che gravitano nelle immediate vicinanze e che il comune aspetta il nostro no per tornarsene nei luoghi dello scorso anno. Nei paesetti succede di tutto! Ciao. Grazie.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
obblighi dell'amministrazione a fronte di un cambiamento di destinazione d'uso
cambiare motivo di recesso di contratto affitto
contratto di affitto aggiunta.
contratto di affitto.
come scrivere l'autorizzazione al cambio di destinazione d'uso per gli affittuari di un locale comme
canone affitto negozio commerciale.
recesso contratto affitto prima dei 6 mesi di preavviso
affitto locale commerciale.
revisione tabelle millesimali per cambio di destinazione d'uso
cambio di destinazione d'uso
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading