Discussione: distacco dal riscaldamento centralizzato al momento del rinnovo della caldaia

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

stulino
Utente registrato
27/05/2010
11:09:19
buongiorno,
il mio condominio ha un impianto di riscaldamento centralizzato realizzato successivamente alla costruzione del palazzo - poichè si tratta di un palazzo molto vecchio (1920).
il mio appartamento si trova all'ultimo piano ed è esposto su 3 lati e solo per un lato (il più piccolo) confina con un altro appartamento.
ho richiesto la possibilità di distaccarmi dal riscaldamento centralizzato e ho ottenuto il consenso dall'assemblea di condominio.
non ho ancora proceduto a distaccarmi poichè si sta pianificando di rinnovare la vecchia caldaia a gasolio con una a gas più moderna e, assumendo che la nuova caldaia verrà dimensionata adeguatamente senza considerare il mio appartamento nel computo degli utenti:

- non vorrei partecipare alle spese di rinnovo
- non vorrei contribuire in percentuale alle spese di conduzione e mantenimento della nuova caldaia

non sono riuscito a trovare nessun riferimento in merito che confermi quanto da me sostenuto.
le sarei grato se potesse aiutarmi a risolvere la questione.

grazie,
stefano



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10151 interventi
27/05/2010 13:27:01
Non puoi estraniarti dalle spese per l'impianto comune.
Esso resta condominiale ed anche di tua proprietà, anche se non ne usufruirai.

Tu sarai solo esentato dalle spese "d'uso".

Dovrai quindi purtroppo partecipare alle spese per il rinnovo del bene comune.

Come al solito qui trovi tutti i riferimenti giurisprudenziali che ti servono (distacco dall'impianto centralizzato):

http://www.condomini.altervista.org/

Rispondi


dabruna

Utente semplice
1 interventi
09/10/2010 10:01:56
E qualora il distacco sia già stato previsto in sede di costruzione del condominio, vige sempre questa regola ?
Quindi le spese ordinarie e straordinarie come vengono calcolate ?
Grazie


Rispondi


claistron

Staff
10151 interventi
09/10/2010 12:19:05
Inserisci il tuo quesito in un "nuovo" post, non riprendere una vecchia discussione.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
palo della luce in una proprietà privata
applicazione del concetto di decadimento della solidarietà condominiale
cambio di destinazione o milgioramento della cosa comune
valvole termostatiche e riscaldamento autonimo
caldaia e stendibiancheria in giardino privato
soppressione caldaia condominiale
quorum deliberativo per uso esclusivo della canna fumaria condominiale dismessa
uso esclusivo della canna fumaria comune dismessa
dichiarazione ai sensi e per gli effetti della l.27/12/1997 n.449 art. 1 e 13 (ristrutturazioni)
riscaldamento centralizzato, è corretto calcolare il 30% per i consumi involontari?
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading