Discussione: Demilizione edificio e parti in comune

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Rew
Utente registrato
13/10/2009
00:27:09
Non riesco a trovare una risposta soddisfacente ad un caso pratico che è stato posto alla mia attenzione.
Cercherò di essere più chiaro possibile.
Vi sono due stabili di tre piani ciascuno, costruiti uno adiacente all'altro, che hanno l'ingresso in comune (androne e scale che portano ai piani superiori).
Il proprietario di uno dei due stabili vuole demolire il suo per costriure una nuova palazzina, totalmente autonoma rispetto all'altro stabile. In tal modo, la vecchia parte in comune(androne e scale), rimarrebbe in uso esclusivo al proprietario dell'altro stabile.
Può il proprietario dello stabile che sarà abbattuto chiedere all'altro il pagamento della propria quota sulla cosa comune che ormai non è per lui di alcuna utilità?

p.s. altra cosa: una volta abbattuto lo stabile adiacente, il nuovo stabile che sarà costruito dovrà rispettare le distanze legali o potrà essere costruito nuovamente adiacentemente all'altro?

spero di essere stato chiaro.
attendo risposta



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10226 interventi
13/10/2009 22:03:59
In questo caso si dovrebbe trattare di semplice "ristrutturazione", possibilmente rispettando le cubature esistenti.
Saranno solo necessarie le autorizzazioni comunali.

Il problema non si pone nei confronti degli altri edifici in quanto il 3° comma dell'art. 1123 parla chiaro.

Sarà comunque impossibile distaccarsi dal resto del condominio in quanto le parti comuni restano comunque "comuni": vialetti, cancelli, cortili, scarichi fognari, acqua, conduttire varie, scarichi acque meteoriche ecc.

Dovrà quindi partecipare alle spese condominiali sulle parti comuni, sempre che vi siano parti "comuni".




Rispondi


Rew

Utente avanzato
6 interventi
14/10/2009 00:07:46
si. ma non mi è chiara una cosa.
qualora la nuova costruzione sia realizzata non più adiacente all'altra, ma distaccata, e abbia un proprio ingresso autonomo e delle proprie scale per salire ai piani superiori, come si risolve la questione del vecchio androne e delle vecchie scale in comune?
colui che ha "rotto" la comunione ricostruendo un'entità autonoma a sè stante può vantare dei diritti su quelle vecchie parti in comune?

Rispondi


Rew

Utente avanzato
6 interventi
14/10/2009 00:10:24
preciso nuovamente che stiamo parlando di due stabili appartenenti a due diversi proprietari e che finora in comune hanno solo ingresso e scale.
un tempo, tantissimi anni fa, erano propietà di un solo soggetto che poi ha venduto metà parte di tutto il complesso.

Rispondi


claistron

Staff
10226 interventi
14/10/2009 20:19:20
Ripeto quanto ti ho detto sopra.

Il distacco dal condominio (originario) è una procedura prevista dal Codice.

Se colui che intende distaccarsi ha ricevuto tutte le autorizzazioni comunali per le modifiche proposte, potrà effettuarle.

Se i due edifici (diventati autonomi) non hanno più parti in comune, cessa di fatto il condominio, insomma, il vecchio androne e le vecchie scale, saranno di esclusiva competenza del titolare dello stabile originario, come ti ho gia detto sopra, in base al 3° comma dell'art. 1123 del c.c.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
ripartizione spesa installazione nuovo autoclave.
innovazione su una parte comune
cambio di destinazione o milgioramento della cosa comune
lavori di ristrutturazione e ripartizione costi
costruzione di un fabbricato su suolo comune
lavori condominiali parti comuni e non
ripartizione spese intervento tetto condominiale
delibera ripartizione calore
ripartizioni spese abbattimento albero
ripartizione spese condominiali tra locatore e conduttore
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading