Discussione: porta blindata e legittimità apertura su corridoio condominiale

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

simona2009
Utente registrato
22/07/2009
11:41:43
vorrei un parere circa la legittimità nell'aver aperto, sul corridoio condominiale, una porta. questo è stato fatto, comunicandolo a priori verbalmente all'amministratore, poichè nel mio appartamento (è una mansarda all'ultimo piano di una palazzina al mare) non vi era possibilità di mettere (come invece hanno messo diversi condomini con ingressi "normali") la porta blindata al posto di una in alluminio che avevamo (tipo quelle delle cantine) e che era invece posizionata sul balcone (l'ingresso infatti prima era dal balcone e la spalletta del muro era insufficiente per fare posizionare la porta blindata). abbiamo volutamente tolto la vecchia porta in alluminio e murato l'apertura ripristinando e imbiancano il tutto, nonchè aperto una nuovo ingresso dal corridoio comune sulla mia sala e messo la porta blindata. tutto questo perchè ci sono entrati i ladri e non ci sentivamo più sicuri e, come tanti nel condominio, abbiamo deciso di istallare una porta seria. alcuni condomini, per questo, si sono lamentati. ci vuole per forza l'apporvazione dell'assemblea o, trattandosi di messa in sicurezza, basta aver comunicato a priori i lavori all'amministratore?
grazie e cordiali saluti



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10163 interventi
22/07/2009 13:41:19
Hai comunque modificato una parte comune condominiale!

I muri prospicienti le scale sono beni comuni e l'assemblea ha il diritto di decidere (anche se non può "vietare")circa una nuova apertura su una parete comune (foggia, colore, ecc.), infatti qualora risulti accertato dal giudice che l'apertura praticata da un condomino sulle scale del fabbricato comune non abbia apportato alcun mutamento alla conformazione e allo spazio delle scale, non abbia limitato il godimento degli altri condomini, non abbia arrecato alcun danno alle parti comuni o pregiudizio alla stabilita’, sicurezza e decoro architettonico del fabbricato, la relativa fattispecie rientra nella disciplina dell'uso della cosa comune.

Ne ho parlato talmente tante volte nel forum, inserendo sempre precisi riferimenti normativi e giurisprudenziali.





Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
utilizzo del c/c condominiale
richiesta dettaglio in bolletta condominiale.
parcheggio cortile condominiale
applicazione del concetto di decadimento della solidarietà condominiale
delibera per lavori su area verde extracondominiale
anagrafica condominiale e dati affittuario
corte condominiale problemi
ripartizione spese intervento tetto condominiale
spostamento porta - variazione catastale?
soppressione caldaia condominiale
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading