Discussione: USUFRUTTO GRATUITO DI IMMOBILE

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

DELICIUS
Utente registrato
23/04/2009
18:43:15
Salve, mi chiamo marzia e avrei bisogno di capire alcune cose in merito ai diritti inviolabili relativi a chi asufruisce a titolo gratuito di un immobile.
il mio problema e' questo:

io mi sono sposata da meno di un anno e a tal proposito i miei suoceri ci hanno dato la possibilita' di abitare nell'appartamento sopra l'azienda di famiglia, al tempo gestito dai miei stessi suoceri.
dal primo di gennaio di questo anno, l'azienda e' stata ceduta in fitta d'azienda a mio marito e mio cognato.

mio cognato vive in un immobile di proprieta' dei miei suoceri, sito a pochi chilometri da noi, sempre con la formula di usufrutto gratuito.

dopo varie vicissitudini tra genitori e figli, che hanno incrinato il rapporto, i miei suoceri hanno deciso, senza interpellare i figli in merito, di vendere la casa dove abita mio cognato.

inoltre dopo aver confermato il fatto di aver trovato un acquirente interessato, hanno deciso ed imposto a mio marito e suo fratello che al momento della vendita dell'immobile provvederanno a chiamare un geometra per dividere l'appartmamento in cui viviamo io e mio marito, per crearne due con due ingressi separati. Possono farlo? possono imporci questa decisione?

aggiungo in oltre che l'appartamento in questione e' composto su un unico livello al piano primo, da sala, cucina, due bagni di cui uno adibito a lavanderia e tre camere da letto, di cui una matrimoniale e due piu' piccole di 16 mq.

loro vorrebbero adibire le due stanzette da letto a bilocale conglobando il bagno in cui vi e' la vasca da bagno.

cosa molto importante da dire e' che quando ci e' stoto concesso l'usufrutto gratuito in forma verbale, l'appartamento era al grezzo, tutto da sistemare e da rendere abitabile.
scelta mia in qualita' di futura moglie, farmi carico degli oneri per rendarla abitabile entro la data del matrimonio, sistemandola e arredandola al meglio.

i miei suoceri, nel loro progetto di divisione delle stanze, vorrebbero privarci del bagno ove io ho installato una vasca ad idromassaggio molto costosa e vorrebbero privarci di due stanze gia' predisposte ed arredate per futura prole. Avendo io speso molti soldi per arrivare ad avere una casa dall'aspetto rispettabile e decoroso, hanno loro diritto di impormi di dover rinunciare a questo solo per un loro capriccio?

parlo di capriccio in quanto le persone in questione (suoceri) sono molto facoltose e possiedono rendite e proprieta' immobiliari di vario genere ed ubicazione, tra le quali un altro appartamento sfitto nello stesso comune in cui viviamo, che si rifiutano categoricamente di poter dare in usufrutto al figlio.

come possiamo fare per evitare che ci facciano questo dispetto?
e' possibile eventualmente rivalersi in qualche modo per evitare che l'immobile in cui vive mio cognato venga venduto?
possiamo rifiutarci di accettare che modifichino la metratura del nostro appartamento?

ringrazio infinitamente ed attendo vostra risposta.




Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10214 interventi
23/04/2009 19:58:39
Un "usufrutto gratuito" oltretutto solo verbale, non registrato, non ha alcun valore e non può essere opposto a terzi.

L'immobile in questione vi è stato concesso in "diritto d'uso" gratuito, che è cosa ben diversa e revocabile in qualsiasi momento.

L'appartamento in questione è di proprietà dei genitori e ne possono fare ciò che vogliono.

Se aveste avuto almeno un documento scritto avreste potuto avanzare qualche pretesa, in queste condizioni dovete solo attenervi alle disposizioni dei proprietari.

Rispondi


DELICIUS

Utente semplice
1 interventi
25/04/2009 13:17:25
SALVE, HO LETTO SU QUESTO SITO (VEDI CODICE CIVILE, SEZ. USUFRUTTO GRATUITO)CHE IN CASO DI PARENTELA DIRETTA DI PRIMO GRADO,NON E' NECESSARIA LA REGISTRAZIONE DELL'ATTO, MA CHE ANCHE LA FORMULA VERBALE GODE DI TUTTI I DIRITTI E DOVERI TRA LE PARTI, COMUNI A TUTTI GLI ATTI REGISTRATI.

PER TANTO, NON AVREMMO DIRITTO AD OPPORCI??

Rispondi


claistron

Staff
10214 interventi
25/04/2009 13:39:57
Ti ho parlato sopra di "diritto d'uso" (affitto) e "usufrutto" che sono due cose completamente diverse.
Stai facendo confusione.

Devi tenerne conto.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
immobile acquisito all'asta - debiti pregressi
locazione immobile commerciale - buona entrata
passaggio tubatura gas del vicino nell'immobile da acquistare
addebito spese condominiali su immobile acquistato all'asta
processo occupazione senza titolo d'immobile
cambio persona giuridica del propietario dell'immobile
diritti obbligatori immobile e trasmissione ereditaria
curatore fallimentare di una quota di un immobile con più proprietari deve ricevere la convocazione
vendita all asta immobile per disaccordo eredi
aggiudicatario immobile asta fallimentare e pagamento interessi di mora su spese condominiali
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading