Discussione: cambio destinazione di locale di proprietÓ comune

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
19/11/2005
22:07:37
Scusatemi sono un fresco amministratore ed avrei da porvi una domanda che mi affligge,che maggioranza si deve avere per deliberare il cambio di destinazione di un locale di proprietÓ comune in garage? vi prego di aiutarmi lunedý ho l'assemblea e non vorrei fare brutta figura.
grazie



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10169 interventi
19/11/2005 22:57:59
Buongiorno Giovanni

Non fornisci informazioni sufficienti per poterti dare una risposta sicura.
Il locale di proprietÓ comune diventerÓ un garage "comune"?
Saranno necessari anche tutti gli adempimenti burocratici per la variazione di destinazione d'uso presso il comune.
Consulta anche il vostro regolamento contrattuale ove non vi siano clausole ostative alla vostra iniziativa.
Comunque:
Modifiche che implichino variazioni nei diritti soggettivi sulle cose comuni richiedono l'unanimitÓ dei consensi salvo deroghe previste nel regolamento.

Qui trovi le tabelle che indicano le maggioranze per deliberare:
http://www.condomini.altervista.org/MaggioranzeAssemblee.htm

Saluti

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
19/11/2005 23:06:58
Si certo Ŕ un grosso locale situato a piano terra,prima era un supermercato ora i condomini visto la capienza vogliono usarlo come garage. Il regolamento non dice nulla a proposito. Che devo fare ? ci vuole l'unanimitÓ dei consensi ? Grazie della risposta

Rispondi


claistron

Staff
10169 interventi
19/11/2005 23:35:05
Se consulti la tabella predisposta dalla confedilizia e dalle associazioni dei proprietari (non Ŕ legge) potrai constatare che una simile iniziativa va a modificare i diritti patrimoniali dei singoli cond˛mini sulle parti comuni.
Penso che basterebbe un solo proprietario che ritenesse lesi i suoi diritti sul bene comune per avere buone chances di ottenere l'annullamento della delibera ottenuta a maggioranza anzichŔ all'unanimitÓ.
Un ultimo avverimento, nel vostro caso, il cambio di destinazione d'uso potrebbe risultare oltremodo oneroso!

Saluti

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
20/11/2005 08:45:18
Ciao Giovanni,come da giurisprudenza consolidata tale cambio di destinazione non necessita di consenso unanime, come detto erroneamente da claistron ma l┤assemblea pu˛ validamente deliberare con la maggioranza di cui all┤art. 1136 comma secondo c.c.
in bocca al lupo.

Rispondi


claistron

Staff
10169 interventi
20/11/2005 15:40:16
Buongiorno Giorgio

Su questo Forum ci comportiamo diversamente che non sugli altri dove si offrono suggerimenti in base alle proprie convinzioni senza porre i riferimenti normativi e giurisprudenziali necessari a suffragarli.
Inoltre non si definiscono sbagliate le affermazioni degli interlocutori, si offrono le proprie affinchŔ il richiedente possa formarsi una propria valida convinzione.
Di solito non affermiamo: "come da giurispriudenza consolidata", porgiamo a chi ne ha bisogno i riferimenti giurisprudenziali che potrebbero essere utili.

Nel caso sopra esposto, prima di rispondere mi sono documentato, ho riletto alcune sentenze come: Cass. civ., sez. II, 5 settembre 1989, n. 3858 e ancora Cass. civ., sez. II, 27 giugno 1987, n. 5709 e ho offerto il mio pensiero che non Ŕ sicuramente legge, ma pu˛ contribuire ad aiutare chi deve risolvere problemi iniziali prima di rivolgersi a professionisti del settore.

Concludendo, la maggioranza da te citata al secondo comma dell'art 1136 (che si riduce a 1/3 e 1/3 in seconda convocazione) sembra sia non idonea a deliberare su una questione che modifica profondamente il godimento di un bene comune, per qualcuno pu˛ essere miglioria, per altri potrebbe rappresentare una grossa perdita finanziaria rappresentata dagli introiti relativi all'affitto del locale goduti fino ad allora, ribadisco che potrebbe essere validamente impugnata anche da un solo cond˛mino dissenziente.

Saluti

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
22/11/2005 11:51:47
Giorgio,
riscrivi pure il tuo messaggio dove esprimi la tua opinione, senza offese ne' polemiche pero' , esponendo solo i fatti.

grazie

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
certificato destinazione urbanistica
attribuzione spese conricione sotto-stante la proprietÓ
palo della luce in una proprietÓ privata
innovazione su una parte comune
vendita 50% proprietÓ indivisa
cambio di destinazione o milgioramento della cosa comune
obblighi dell'amministrazione a fronte di un cambiamento di destinazione d'uso
costruzione di un fabbricato su suolo comune
lavori su terrazzo di proprietÓ esclusiva
ripartizione spese riparazione infiltrazioni terrazza di proprietÓ e uso esclusivo per cene e feste
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading