Condividi su Facebook | Segnala | Errore | Stampa | Zoom
SENTENZA
Autovelox: multa valida se manca la data sulla fotografia. Contestazione immediata

Pubblicata da: Redazione


Corte di cassazione civile
sentenza 16889/05 del 12/08/2005

Se la fotografia effettuata tramite apparecchiatura "autovelox" non reca l'indicazione dell'anno della fotografia stessa, la contravvenzione e' da considerarsi comunque lecita , se la data di rilevamento risulta comunque indicata nel verbale di accertamento.

La rilevazione fotografica infatti non ha come obbiettivo quello di dimostrare o documentare il momento della rilevazione, bensi soltanto di attestare l'avvenuta rilevazione tramite autovelox.

Il momento , data e ora , della rilevazione , se espressamente indicati nel verbale di accertamento sono sufficienti a dimostrare e precisare l'esatto momento dell'infrazione, senza lasciare alcun margine di dubbio della validita' e veridicita' della contestazione.





Svolgimento del processo


che, con ricorso depositato presso il Pretore di Rimini, il signor C. A. proponeva opposizione avverso l'ordinanza, con la quale il Prefetto di Forlì-Cesena gli aveva ingiunto il pagamento della somma di L. 1.000.000 a titolo di sanzione amministrativa per aver violato l'art. 142, nono comma, d.lgs. 30 aprile 1992, 285 circolando ad una velocità superiore di oltre quaranta km. a quella consentita;

che l'opponente deduceva, in via preliminare, che il provvedimento impugnato era nullo, in quanto l'infrazione non gli era stata immediatamente contestata, ed assumeva, nel merito, che la contestazione era comunque infondata; che il giudice adito accoglieva il ricorso, osservando che la documentazione fotografica dell'accertamento, effettuato con l'ausilio di apparecchiatura "autovelox" non recava l'indicazione dell'anno in cui erano state scattate le fotografie e che tale lacuna determinava una "oggettiva ed assoluta incertezza in ordine al giorno di commissione della violazione contestata", nonchè "in ordine alla tempestività dell'intervenuta notifica ... del provvedimento" all'opponente;

che i ricorrenti chiedono la cassazione della sentenza con un unico motivo di ricorso;

che l'intimato resiste e propone, a sua volta, ricorso incidentale condizionato.


Motivi della decisione


che deve essere preliminarmente disposta la riunione dei ricorsi, ai sensi dell'art. 335 c.p.c;

che il Procuratore Generale ha chiesto, in udienza, che il ricorso sia dichiarato inammissibile, osservando:
a) che l'art. 23 l. 24 novembre 1981 n. 689 identifica nell'autorità che ha emesso l'ordinanza la parte legittimata nel giudizio di opposizione;
b) che tale legittimazione rimane ferma nel corso dell'intero giudizio e, quindi, anche in caso di impugnazione;
c) che, conseguentemente, quando oggetto dell'opposizione sia, come nel caso di specie, un'ordinanza prefettizia, la legittimazione alla proposizione del ricorso per Cassazione avverso la sentenza con la quale il pretore abbia provveduto sull'opposizione spetta al Prefetto, anzichè all'organo di vertice (il Ministro dell'interno); che, come si ricava dalle premesse del ricorso, l'impugnazione è stata proposta dall'Avvocatura (anche) in nome dell'organo specificamente competente, vale a dire la Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Forlì-Cesena;

che tale rilievo muove, pertanto, da inesatte premesse di fatto e non può, quindi, essere condiviso;

che l'Avvocatura - denunziando violazione e falsa applicazione dell'art. 142, d.lgs. 285/92 e degli artt. 2699 e 2704 c.c. - censura la sentenza impugnata per aver ritenuto illegittimo l'accertamento in base alla considerazione che l'omessa indicazione, nella fotografia allegata al verbale, dell'anno cui l'immagine ritratta doveva essere riferita rendeva assolutamente incerta la data di commissione della violazione contestata"; che la data del fatto contestato è attestata dal verbale, il quale "deve contenere l'indicazione del giorno, dell'ora e della località nei quali la violazione è avvenuta" (art.384, d.p.r. 16 dicembre 1992, n. 495) e, secondo il consolidato orientamento di questa Corte, fa piena prova, fino a querela di falso, delle circostanze di fatto direttamente rilevate e descritte, senza margini di apprezzamento, dal verbalizzante (Cass. 5 dicembre 1995, n. 12846; 18 agosto 1997, n. 7667; 9 maggio 2002, n. 6634); che l'efficacia probatoria (fino a prova contraria) dei rilievi delle apparecchiature previste dall'art. 142, sesto comma, d.lgs. 30 aprile 1992, n. 285, è finalizzata esclusivamente al controllo dell'osservanza dei limiti di velocità e rimane pertanto estranea all'accertamento delle circostanze di tempo e di luogo della violazione contestata, le quali debbono essere invece desunte, per quanto si è detto, dal verbale di accertamento; che è evidente, pertanto, che nessuna incertezza, in ordine alla data della violazione contestata, può derivare dalla mancata indicazione di tale dato sulla riproduzione fotografica dei rilievi effettuati con tali apparecchiature, la cui esecuzione, contestualmente alla violazione accertata sia attestata dal verbale di accertamento;

che il ricorso principale deve quindi essere accolto, mentre il ricorso incidentale, con il quale è stata dedotta l'illegittimità della contestazione non immediata della contestazione, va dichiarato inammissibile, avendo ad oggetto una questione non affrontata dalla sentenza impugnata, che potrà tuttavia essere riproposta in sede di rinvio (Cass. 23 novembre 1998, n. 11861; 30 marzo 2000, n. 3908; 30 ottobre 2002, n. 15344);

- che la sentenza impugnata deve essere pertanto cassata entro i limiti precisati nel precedente alinea, con conseguente rinvio della causa al giudice di pace di Rimini, in persona di altro giudicante,cui viene rimessa anche la liquidazione delle spese della presente fase.


P.Q.M.


La Corte di Cassazione, riuniti i ricorsi, accoglie il ricorso principale e dichiara inammissibile l'incidentale; cassa, entro tali limiti, la sentenza impugnata e rinvia la causa, anche per le spese, al giudice di pace di Rimini, in persona di altro giudicante.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 29 aprile 2005.

Depositato in Cancelleria il 12 agosto 2005



Visite:

Siti di interesse per l'argomento: circolazione stradale
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading