Legge
Destinazione del cinque per mille IRPEF per volontariato, ricerca e università
Segnala a un amico | Scrivi all'autore | Segnala un errore | Stampa

Pubblicata da: Redazione

decreto del 22/03/2006

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 22 marzo 2006

Modifica del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 20 gennaio 2006, recante definizione della modalita' di destinazione della quota pari al cinque per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, in base alla scelta del contribuente, per finalita' di volontariato, ricerca scientifica e dell'universita', ricerca sanitaria, e attivita' sociali svolte dal comune di residenza.

(GU n. 80 del 5-4-2006)


IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l'art. 1, comma 337, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, che prevede per l'anno finanziario 2006, a titolo sperimentale, la destinazione in base alla scelta del contribuente di una quota pari al 5 per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche a finalita' di sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative di utilita' sociale e delle associazioni di promozione sociale, di finanziamento della ricerca scientifica e delle universita', di finanziamento della ricerca sanitaria, nonche' ad attivita' sociali svolte dal comune di residenza del contribuente;
Visto l'art. 1, comma 340, della predetta legge n. 266 del 2005, che prevede che con decreto di natura non regolamentare il Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca e del Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, stabilisce le modalita' di richiesta, le liste dei soggetti ammessi al riparto, nonche' le modalita' di riparto delle somme destinate dai contribuenti;
Visto l'art. 31, comma 2, del decreto-legge 30 dicembre 2005, n. 273, secondo il quale la disposizione di cui al comma 337 dell'art. 1 della legge n. 266 del 2005, riferita all'anno finanziario 2006, e' specificata nel senso che la stessa si applica al periodo di imposta 2005 e che, di conseguenza, il decreto di cui al comma 340 del medesimo art. 1 e' adottato senza l'acquisizione dell'avviso di cui al primo periodo dello stesso comma;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 20 gennaio 2006, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 22 del 27 gennaio 2006, con il quale sono state definite le modalita' di destinazione del cinque per mille e ritenuta la necessita' di coordinarne i commi 2 e 3 dell'art. 1;
Sulla proposta del Ministro dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca e del Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze;

Decreta:

Art. 1.

1. Nell'art. 1, comma 2, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 20 gennaio 2006 le parole «10 febbraio 2006», sono sostituite dalle seguenti: «20 febbraio 2006» e per domande giunte all'Agenzia delle entrate entro tale data si intendono quelle comunque ad essa pervenute. Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 22 marzo 2006

Il Presidente Consiglio dei Ministri Berlusconi

Il Ministro dell'istruzione dell'universita' e della ricerca Moratti

Il Ministro delle salute Storace

Il Ministro dell'economia e delle finanze Tremonti



logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading