Alla guida con cellulare, la contestazione possibile solo con querela di falso
Condividi su Facebook | Discuti nel forum | Consiglia | Scrivi all'autore | Errore |

Articolo del 15/04/2012 Autore Avv. Marta Del Giudice Altri articoli dell'autore


La Cassazione con la sentenza n° 3336 del 2012 ha stabilito che l’automobilista sanzionato per utilizzo del cellulare durante la guida può impugnare il verbale solo attraverso la querela di falso contro il Pubblico Ufficiale verbalizzante.

Il Giudice di Pace aveva accolto l’opposizione proposta dall’automobilista ritenendo “non sufficientemente provato l’addebito dall’attestazione del pubblico ufficiale verbalizzante facente fede soltanto degli elementi oggettivi non suscettibili di una valutazione sensoriale, e non anche di quelle percezioni caratterizzate da margini di apprezzamento fallibili, in quanto aventi a oggetto accadimenti repentini”.

La Corte di Cassazione interpellata dalla Prefettura di Firenze ha, invece, cassato il precedente giudizio poiché “nel giudizio di opposizione a ordinanza ingiunzione relativo al pagamento di una sanzione amministrativa è ammessa la contestazione e la prova unicamente delle circostanze di fatto della violazione che non sono attestate nel verbale di accertamento come avvenute alla presenza del pubblico ufficiale o rispetto alle quali l’atto non è suscettibile di fede privilegiata per una sua irrisolvibile contraddittorietà oggettiva, mentre è riservata al giudizio di querela di falso, nel quale non sussistono limiti di prova e che è diretto anche a verificare la correttezza dell’operato del pubblico ufficiale, la proposizione e l’esame di ogni questione concernente l’alterazione nel verbale, pur se involontaria o dovuta a cause accidentali, della realtà o dell’effettivo svolgersi dei fatti”.

L’unico rimedio ammissibile, pertanto, per opporsi al verbale è l’impugnazione tramite una querela di falso non risultando sufficiente il normale ricorso amministrativo.

Questa sentenza pone senza dubbio un freno ai ricorsi proposti senza alcuna motivazione reale ma solo allo scopo di evitare le sanzioni stabilite dalla legge.


Avv. Marta Del Giudice ^ Vai all' inizio


Articoli correlati

Articoli su Overlex per l'argomento: circolazione stradale

» Tutti gli articoli su overlex in tema di circolazione stradale

Siti di interesse per l'argomento: circolazione stradale





Concorso miglior articolo giuridico pubblicato su Overlex
Clicca qui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading