Art.18 permesso di soggiorno per motivi di protezione sociale
Condividi su Facebook | Discuti nel forum | Consiglia | Scrivi all'autore | Errore |

Articolo del 02/05/2011 Autore Avv. Francesca Testini Altri articoli dell'autore


Il Testo unico dell’immigrazione (d.lgs.286/98) contempla una serie di ipotesi nelle quali vi sono motivi umanitari che possono indurre l’autorità amministrativa a rilasciare allo straniero un permesso di soggiorno.

L’art. 18 T.U. regola il permesso di soggiorno per motivi di protezione sociale stabilendo che “Quando, nel corso di operazioni di polizia, di indagini, o di un procedimento per taluno dei delitti di cui all’art.3 della l. n 75/58 o di quelli previsti dall’art.380.cp.p.p., ovvero nel corso di interventi assistenziali dei servizi sociali degli enti locali, siano accertate situazioni di violenza o di grave sfruttamento nei confronti di uno straniero, ed emergano concreti pericoli per la sua incolumità, per effetto dei tentativi di sottrarsi ai condizionamenti di una associazione dedita ad uno dei predetti delitti o delle dichiarazioni rese nel corso delle indagini preliminari o del giudizio, il questore, anche su proposta del Procuratore della Repubblica, o con il parere favorevole della stessa autorità, rilascia uno speciale permesso di soggiorno per consentire allo straniero di sottrarsi alla violenza ed ai condizionamenti dell’organizzazione criminale e di partecipare ad un programma di assistenza ed integrazione sociale”.

Le condizioni, previste dal I comma, per rilasciare questo tipo di permesso, sono due:

  1. lo straniero si deve trovare in una situazione di pericolo attuale per la sua incolumità;
  2. il pericolo deve derivare dai tentativi dello straniero di sottrarsi ai condizionamenti dell’associazione criminosa o dalle dichiarazioni rese nel corso di un procedimento penale.

Gli organi e gli enti che hanno diretto contatto con lo straniero inviano al questore una proposta per il rilascio del permesso di soggiorno per motivi di protezione sociale e, dopo averla ricevuta , si istruisce la pratica per verificare la sussistenza delle condizioni previste, in particolare le situazioni di violenza e grave sfruttamento.

La situazione di pericolo deve derivare dall’aver reso dichiarazioni nel corso delle indagini preliminari o nel corso del giudizio, oppure deve provenire dall’aver ripetutamente tentato di sottrarsi ai condizionamenti dell’organizzazione criminale.

Sull’aspetto del pericolo e sulla necessità di fornire rilievo a tale circostanza una sentenza del Tar Piemonte  (la n.1036 del 9 febbraio 2005) ritiene che sia sufficiente “sottrarsi” ai condizionamenti non necessariamente di un’associazione ma che la situazione di sfruttamento può essere messa in atto anche da singoli individui o da più individui non legati da vincolo associativo.

Il questore , prima di decidere il rilascio di questo tipo di permesso, deve acquisire sia il parere del procuratore della Repubblica sia verificare il programma di assistenza e di integrazione sociale relativo allo straniero da proteggere.

E’  necessaria la sussistenza del suddetto programma, così come previsto dal comma 4 dell’art.18; nel caso in cui venga interrotto o la condotta sia incompatibile con le finalità dello stesso, viene revocato il permesso di soggiorno.

Questo tipo di permesso può essere concesso non solo in seguito alla denuncia dell’interessato ma anche in seguito all’accertamento ,sa parte di chi organizza i programmi di protezione, di una situazione di violenza o sfruttamento e pericolo in danno di uno straniero  che non possa o non voglia presentare denuncia.

Oggi , questo tipo di permesso, potrebbe essere concesso agli stranieri vittime delle truffe dell’ultima  sanatoria (legge 102/2009) i quali hanno presentato, in tutta Italia, denuncia e aspettano, se possibile, un permesso di soggiorno.


Avv. Francesca Testini
Avvocato

www.avvocatofrancescatestini.com
^ Vai all' inizio


Articoli correlati

Articoli su Overlex per l'argomento: immigrazione

» Tutti gli articoli su overlex in tema di immigrazione

Siti di interesse per l'argomento: immigrazione





Concorso miglior articolo giuridico pubblicato su Overlex
Clicca qui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading