Convegno/evento giuridico
Corso sulla mediazione ideato dalla People & Solutions

« Torna alla sezione Eventi


Roma
20/10/2006



Consulta il sito di People & Solutions

I rapporti che ognuno ha con l'ambiente circostante, nello svolgersi della vita comune, possono causare attriti, incomprensioni, disagi, che a volte degenerano in conflitti.

Problematiche relative a rapporti di vicinato, di natura condominiale, con i professionisti di cui ci si avvale abitualmente, sul lavoro, con le strutture scolastiche frequentate dai propri figli, nei rapporti commerciali, nell'utilizzo del tempo libero, fanno a volte sorgere conflitti per cause anche banali, e questo specialmente in situazioni di convivenza forzata come, ad esempio, nei grandi agglomerati urbani.

Il corso organizzato dalla People & Solutions, in modo interdisciplinare, si prefigge di avvicinare i partecipanti alla filosofia della mediazione (mediation) che si basa sul rispetto dell'altro e sulla volontà di gestire i conflitti in modo positivo per permettere a tutte le parti coinvolte di raggiungere una soluzione equa, soddisfacente, senza dichiarazione di vincitori, insegnando tecniche consolidate di mediazione di tipo negoziale, che consentano di individuare i concreti bisogni ed esigenze delle parti, gestendo la controversia tramite il dialogo, il rispetto e la collaborazione reciproca, salvaguardando la loro sfera sociale, familiare, lavorativa e commerciale, e preservandone i rapporti, anche al fine di evitare futuri conflitti, restituendo alle parti il protagonismo nella soluzione della controversia sorta tra loro.

La formazione del mediatore, quindi, è diretta a creare un soggetto che sia un professionista con specifiche competenze ed esperienza, in grado di essere terzo e neutrale rispetto alle parti del conflitto, rimanendo imparziale e capace di non giudicare.

A tale fine la People & Solutions ha strutturato il suo corso di formazione in tre fasi: la prima generale e propedeutica nella quale si insegneranno soprattutto le tecniche di mediazione facilitativa così come strutturata dalla People & Solutions e le altre due specialistiche, denominate Mediazione “familiare” e Mediazione “civile”, per un totale di 284 ore.

I nostri docenti :

- Daniel Bustelo Eliçabe Urriol .. Avvocato e Mediatore. Director Master de Mediación presso l' Universidad Pontificia de Comillas, Madrid. Director Formación de AIEEF . Presidente del Foro Europeo per la Mediazione Familiare.

- Pinuccia Calcaterra , Avvocato del Foro di Roma, esperto in Diritto Civile con specializzazione in Diritto Familiare.

- Antonella Carleschi , specialista in Neuropsichiatria Infantile. Psicoterapeuta. Già Giudice Onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Roma. Specialista Ambulatoriale presso la ASL RM G (ass. IBI).

- Pietro Di Giuseppe , Psicologo e Psicoterapeuta della coppia e della famiglia. Consulente Tecnico presso il Tribunale Civile di Roma. Docente nei corsi di aggiornamento operatori servizi Regione Lazio. Nel direttivo della ONLUS Il Bambino Invisibile (IBI)

- Annalisa Di Maso , Psicologa esperta di processi formativi nell'ambito della definizione/ implementazione di sistemi di gestione aziendali e nell'ambito della composizione delle controversie aziendali (Pragmata).

- Loredana Di Stefano , Mediatore. Docente esperto di ADR. Consulente presso la Section of Dispute Resolution dell'ABA (American Bar Association). Mediator/trainer/supervisor in diversi programmi di ADR presso la Superior Court , Washington D.C. International Speaker. Membro del World Mediation Forum, dell'ACR, DC Chapter. (People&Solutions).

- Simonetta Frinolli , Psicologa e Psicoterapeuta. Consulente Tecnico presso i Tribunali di Roma. Presidente della ONLUS Il Bambino Invisibile (IBI)

- Valeria Gherardini , Psicologa, mediatrice, esperta di processi formativi nell'ambito della mediazione familiare, civica, penale, aziendale (Università degli Studi di Padova, Facoltà di Psicologia)

- Umberto Grisciol i , Avvocato del Foro di Roma, esperto in Diritto Civile con specializzazione in Diritto Commerciale, nonché “avvocato d'impresa”. Membro del World Mediation Forum

- Barbara Madonik Presidente Unicom Communication Consultants Inc. Esperto trainer di strategie della comunicazione e della risoluzione dei conflitti. United Nations Keynote Speaker, & Mediation Coach.

- Marcello Marinari, Magistrato della Corte di Appello di Milano. Membro dell'Associazione Europea dei Giudici per la Mediazione (GEMME).

- Marco Massoni , PHD Specialista di Filosofia Interculturale e di Filosofia Africana (Università degli Studi di Roma Tre). Giornalista e Consulente per l'immigrazione e intercultura O.N.U. e altre Organizzazioni Internazionali.

- Maurizio Spuntarelli , Psicologo clinico e Psicoterapeuta. Consulente Tecnico presso i Tribunali di Roma. Psicologo della fondazione RAPHAEL impegnata nella adozione a distanza (ass. IBI)

- Ales Zalar, Magistrato. Presidente della Corte di Lubjana. Candidato al “Crystal Scale of Justice for the Court Annexed Mediation and Accelerated Litigation Projet” dal Consiglio d' Europa e dalla Commissione Europea. (Membro del Direttivo GEMME).

Destinatari del corso:

Laureati in discipline giuridiche, psicologiche, sociologiche, etc.. ed operatori dei vari settori

La People & Solutions si riserva di accettare le iscrizioni alla formazione dei richiedenti a seconda dei titoli presentati.

Al termine del corso i partecipanti saranno valutati e verrà rilasciato idoneo attestato.

Segreteria corso e Modalità d'iscrizione: visita il sito ufficiale

IL CORSO PEOPLE&SOLUTIONS :

La Mediazione Facilitativa : metodologia e tecniche di applicazione

(108 ore )

La People & Solutions si propone di introdurre i partecipanti ai principi della mediazione, ripercorrendone la storia partendo dalle vicende di quei Paesi che sono stati i primi a sperimentarla alla sua progressiva diffusione nelle diverse parti del mondo. Si evidenzieranno, con particolare riguardo agli aspetti pratici, i diversi modelli adottati nei Paesi che offrono le esperienze più significative. Una particolare attenzione verrà dedicata anche alla componente psicologica della mediazione, e verranno analizzate le dinamiche del conflitto e le strategie di gestione dello stesso.

I partecipanti potranno acquisire la metodologia e le tecniche della mediazione facilitativa, così come viene proposta dalla People & Solutions, e, verranno introdotti all'analisi del processo di comunicazione. Un ulteriore approfondimento verrà proposto anche con riguardo ai rapporti interculturali, e ciò nella consapevolezza della multietnicità della società in cui viviamo e nella convinzione che la diffusione di una cultura della mediazione non può prescindere dalla conoscenza, dal rispetto dell' ”altro” e dal riconoscimento delle diversità come patrimonio e ricchezza di tutti.

STRUTTURA

Mediazione facilitativa

Presentazione del corso

1. INTRODUZIONE ALLA MEDIAZIONE

- La normativa Italiana. Mediation, Conciliazione. Differenze.

- Il processo d'istituzionalizzazione della Risoluzione Alternativa delle Controversie quale ulteriore mezzo di accesso alla giustizia e quale servizio alternativo per i cittadini ed i Tribunali: nascita e sviluppo internazionale della mediazione (Americhe, Europa).

- Analisi della normativa Europea con particolare riguardo alla “Proposta di Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa a determinati aspetti della mediazione in materia civile e commerciale: uno strumento importante per la promozione della mediazione in Europa”.

- Il ruolo dei Giudici e la partecipazione volontaria od obbligatoria delle parti nel procedimento di mediazione.

- Gli Avvocati e la Mediazione .

- Gli Psicologi e la mediazione.

- Il ruolo del mediatore e i rapporti con gli “altri”

- Deontologia ed etica professionale nella mediazione.

2. IL CONFLITT0

- Il conflitto nel vari contesti - chiavi di lettura del conflitto - i livelli di azione

- Funzionalita' e Disfunzionalita' del Conflitto

- Le forze dinamiche che agiscono-. possibilità evolutiva verso un equilibrio più soddisfacente - tendenze omeostatiche involutive e/o regressive - espressione di aspetti patologici

- Le Soluzioni Possibili

- I vari contesto giudiziario - contesto psicologico - mediazione - funzione della mediazione

3. METODOLOGIA E TECNICHE DI MEDIAZIONE

- Un approccio “collaborativo” al conflitto (interest-based)

- La mediazione: riorganizzare il processo di negoziazione(principi e strumenti che ne regolano il procedimento)

- La co-mediazione: principi e tecniche

- Prima sessione congiunta delle parti:

introduzione alla mediazione ed uso appropriato delle domande

Role-play A1 : introduzione alla mediazione

Role-play A2 : prima sessione congiunta delle parti (introduzione, importanza delle annotazioni, domande aperte, etc.)

- Fase centrale della mediazione: negoziazioni, scambio di informazioni, uso delle sessioni separate, principio della riservatezza.

Role-play B : fase centrale della mediazione

- Parafrasare, riassumere e convalidare le informazioni ricevute: come “muovere” il procedimento ed evitare/superare l'impasse

Role-play C : parafrasare, riassumere, convalidare

- Fase conclusiva del procedimento di mediazione (closure)

Role-play D : fase conclusiva

- Ripasso: introduzione, fase centrale e conclusione della mediazione.

Role-play E : prima sessione congiunta (bis)

Role-play F : fase centrale (bis)

Role-play G : fase conclusiva (bis)

4. RAPPORTI INTERCULTURALI

- Dichiarazione Universale della Diversità Culturale (UNESCO)

- Multiculturalismo o Interculturalità. Modelli di convivenza a confronto.

- Il Pregiudizio nell'ermeneutica dell'alterità.

- L'interpretazionismo antropologico.

- Globalizzazione e ibridazione culturale. Identità e Differenza. Universalismo e Relativismo.

- Il dialogo interreligioso.

- Role-plays

- Dimensione culturale e negoziazione della diversità (esperienza diretta Medio Oriente - Africa - Europa Orientale)

- Discussione su: Incesto (Australia), Infibulazione (Somalia), Poligamia (Mozambico).

- Proiezione video (Fanon)

5. IL MEDIATORE

- Ruolo e funzione del mediatore - posizione- neutrale del mediatore - fattori che ostacolano o favoriscono l'assunzione e il mantenimento della posizione di terzo neutrale

6. IL RUOLO DEL MEDIATORE ED IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE

– Costruzione e facilitazione della comunicazione

– “Io comprendo cosa tu dici, ma cosa vuoi chiedermi?”

APPROFONDIMENTI:

PRIMA SPECIALIZZAZIONE

MEDIAZIONE FAMILIARE (112 ore)

Il corso tratterà il processo di mediazione familiare nella separazione e nel divorzio, sia per quanto concerne l'aspetto psicologico della gestione delle dinamiche emozionali, che dal punto di vista giuridico e prettamente economico della riorganizzazione della vita di tutti i membri della famiglia.

La mediazione familiare in materia di separazione e di divorzio è una procedura finalizzata a l contenimento della conflittualità attenuando gli effetti negativi della rottura del rapporto, soprattutto nell'interesse dei figli. Al termine del corso i partecipanti avranno le competenze per accompagnare la coppia nel delicato ambito relazionale del divorzio e della separazione. Riusciranno a stimolare i coniugi a costruire un nuovo modo di dialogare e cooperare al fine di trovare soluzioni, sia per la gestione dei figli, che per gli aspetti finanziari.

1. PSICOLOGIA DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO

La costituzione della coppia.

Costituzione e struttura del rapporto di coppia - Identità di coppia e identità individuale - Funzionalità e disfunzionalità nella relazione di coppia - Il ciclo vitale della famiglia

2. LA GENITORIALITÀ

La procreazione come possibilità evolutiva - Dall'esperienza di figli a quella di genitori. L'inserimento del terzo e i nuovi equilibri - I figli che legano - i figli che separano.

Conflittualità e crisi nella coppia - I meccanismi di difesa (Modalità di espressione - La crisi - Sentimenti in circolo)

3. IL PERCORSO DI MEDIAZIONE FAMILIARE

- Mediabilità dei casi

- Procedimento di selezione ed intake

- La violenza domestica e mediazione familiare

4. ASPETTTI GIURIDICI NELLA SEPARAZIONE E NEL DIVORZIO

– Separazione e divorzio: condizioni della separazione coniugale e del divorzio.

– Affido condiviso

– Contributo per il mantenimento del coniuge

– Situazione dei figli minorenni: affidamento, autorità parentale, relazioni personali e mantenimento

5. LO SVILUPPO IN ETÀ EVOLUTIVA DA UN PUNTO DI VISTA EMOTIVO E COGNITIVO

6. LA SEPARAZIONE

Condivisa o "subita"? - Emozioni in circolo - Chi decide cosa? Il ricorso al terzo: tra richiesta di aiuto e delega.

7. I FIGLI NELLA CONFLITTUALITÀ DI COPPIA

I vissuti dei figli nelle diverse età - I figli non visti - La triangolazione e la strumentalizzazione.

8. L'AFFIDAMENTO DEI FIGLI

Esercizio delle funzioni genitoriali - Coppia divisa e genitori uniti - Le difficoltà dei separati ad esercitare le funzioni genitoriali - Il dolore misconosciuto dei figli - Scelte dolorose tra i due genitori: lacerazioni tra diverse lealtà - Strumentalizzazione del figlio - Sindrome da alienazione genitoriale e rischi psicopatologici.

9. LE FAMIGLIE RICOMPOSTE

I nuovi legami - Le relazioni tra gli adulti - Le relazioni con i figli propri e dell'altro.

10. DIVISIONE PATRIMONIALE E MEDIAZIONE

Divisione dei beni: un approccio metodico ed organizzato alla negoziazione

Role-play H 1 / H 2 : mediazione con divisione dei beni

11. L'ACCORDO

L'accordo tra le parti

12. SIMULAZIONI

Tutte le fasi del procedimento verranno “simulate” in piccoli gruppi.

13. VALUTAZIONE “ROLE-PLAYERS”.


SECONDA SPECIALIZZAZIONE

MEDIAZIONE CIVILE (64 ore)

Una consistente parte della vita di ciascuna persona è dedicata ai propri interessi economici, ovvero al miglioramento della personale ricchezza materiale, funzionale anche per migliorare la qualità della vita stessa.

Ognuno è spinto a cercare e trovare soluzioni che siano consone alle proprie esigenze, soluzioni queste che non sempre rispecchiano i propri desideri, e che possono creare disagi, malessere ed attriti di natura particolarmente odiosa, in quanto vanno ad incidere sul patrimonio.

Le strade principali che ciascuno percorre al fine di trovare le anzidette soluzioni sono l'imprenditoria, la partecipazione in imprese, il lavoro subordinato e quello autonomo, ed il confronto con il mondo economico, peraltro sempre più globalizzato, è un confronto serrato, duro, spesso spietato.

Inoltre, nell'ultimo periodo, è sorto il problema di dover coniugare l'etica con il profitto, etica questa che non ha trovato, se non attraverso un incompleto strumento normativo nazionale, uno schema uniforme ed accettato generalmente.

Il ruolo della mediazione in questo ambito, soprattutto a livello internazionale, si è rivelato essenziale per la risoluzione delle controversie che frequentemente possono sorgere tra le diverse parti, in quanto rapido ed efficace, requisiti questi essenziali in ambito economico.

Il corso ha lo scopo di focalizzare quali siano le reali esigenze delle parti in questo specifico settore, per fornire un quadro d'insieme dove il mediatore sia in grado di operare.

Il suddetto approfondimento viene suddiviso in 3 sezioni: commerciale, lavoro, collettivita'.

1. DIRITTO SOCIETARIO E MEDIAZIONE

•  Problematiche endosocietarie : il D.Lgs. n.5/2003 e la riforma del processo in materia societaria.

•  Arbitrato e conciliazione: altra giurisdizione ed i contrasti interni all'art. 40 del D.Lgs. n.5/2003. Mancata attuazione degli artt. 38 e 39 del D.Lgs. n.5/2003.

•  Le reali esigenze dei soci verso la società, verso gli amministratori e verso se stessi. Il ruolo della mediazione.

•  Problematiche societarie e commerciali : il mondo delle imprese e i rapporti tra le stesse.

•  Etica dell'impresa e profitto. Le esigenze concrete delle aziende con la propria clientela. La possibilità di accesso a procedure di Risoluzione Alternativa delle Controversie e la trasformazione dell'accodo in documento avente valore legale.

2. DIRITTO DEL COMMERCIO

•  Il rapporto imprenditore/cliente. Il nuovo Codice del Consumo e le previsioni normative degli artt.140 e 141 D.Lgs n.206/2006 relativa alle procedure di Risoluzione Alternativa delle Controversie. Metodologie procedurali relative alla formazione dell'accordo finale. Il processo verbale di conciliazione.

3. DIRITTO DEL LAVORO

•  Le Commissioni di Conciliazione presso gli Uffici Provinciali del Lavoro ed il ruolo svolto dalle stesse. Compatibilità con procedure di Risoluzione Alternativa delle Controversie.

•  Impossibilità di deferire ad arbitri problematiche attinenti il lavoro. Il ruolo della mediazione.

•  Rapporto lavoratore/datore di lavoro. Accordo e strumenti di legalizzazione dello stesso.

•  Rapporto lavoratore parasubordinato e/o autonomo con il datore: applicabilità delle procedure di Risoluzione Alternativa delle Controversie e formalizzazione legale dell'accordo finale.

4. ALTRE CONTROVERSIE NEL MONDO DEL LAVORO:

•  il mobbing

•  cosa si nasconde dietro il conflitto nelle controversie condominiali.

•  cosa rappresenta la casa … difesa del territorio?

•  la dequalificazione del lavoratore

5. SIMULAZIONI

Saranno simulate tre tipologie di casi: controversie nei rapporti commerciali, di lavoro, interpersonali.

6. VALUTAZIONE “ROLE-PLAYERS”.


Consulta il sito di People & Solutions




Siti di interesse

» Master in Mediazione Familiare - Centro Studi Bruner

logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading