Convegno/evento giuridico
Corso di formazione su anatocismo e usura bancaria

« Torna alla sezione Eventi


Roma
09/04/2010

Relatore: dott. Roberto Marcelli, presidente ASSOCTU - prof. avv. Paolo Grassi


ASSASSOCTU

associazione consulenti tecnici di ufficio

&

ASSOCTP

Presentano

il corso di formazione tecnico-giuridica in materia di anatocismo e usura bancaria.

Il corso è rivolto a consulenti tecnici ed avvocati che operano in campo bancario e finanziario.

I relatori sono esperti in campo finanziario e giuridico.

Il corso è accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma per 5 crediti formativi.

La quota di partecipazione di € 170,00 comprende l’iscrizione per un anno all’associazione ASSOCTU/CTP con accesso gratuito a tutti i contenuti del sito assoctu.it. Per chi è già iscritto la quota è ridotta ad € 120,00.

All’atto della prenotazione - da inoltrare a info@assoctu.it o al fax 06.233221032 – dovrà essere corrisposta la quota di partecipazione a mezzo bonifico bancario, intestato a ASSOCTU IBAN IT 91 G 03002 03260 000401194572.

Il corso è limitato a n. 50 partecipanti.

Per l’eventuale pernottamento si prega di contattare la segreteria al numero telefonico 06.8841269 o al fax 06.233221032.

Roma, 9 aprile ‘10

 

Centro congressi Frentani

via Frentani, 4 — Roma

tel. 06.448791

ASSOCTU

via Bergamo, 43 — Roma

tel 06.8841269

fax 06.233221032

email info@assoctu.it

web assoctu.it

 

PROGRAMMA

ore 14.00

Presentazione del corso

dott. Roberto Marcelli, presidente ASSOCTU

ore 14.45

Aspetti generali su anatocismo e usura Legge 108/96 e art. 644 c.p.

prof. avv. Paolo Grassi

ore 15.30

Le C.M.S. alla luce della nuova Legge 2/09

16.00

Intervallo

16.30

Usura: aspetti tecnici - T.A.E.G., T.E.G. e soglie d’usura

17.30

Usura: aspetti giuridici

18.15

Discussione e casi pratici

 

 

Da diversi anni problematiche inerenti l’anatocismo, l’usura, le commissioni di massimo scoperto e la mala gestio degli operatori finanziari interessano le aule giudiziarie, vedendo come protagonisti Avvocati, Giudici ma soprattutto Consulenti tecnici di ufficio e di parte.

Al fine di fornire agli Avvocati ed ai Consulenti tecnici un’adeguata assistenza, sia dal punto di vista formativo che informativo, le distinte associazioni ASSOCTU e ASSOCTP si uniscono per realizzare eventi mirati a un unico obiettivo: conseguire livelli di professionalità tali da assistere con competenza, specializzazione e adeguata documentazione, nei procedimenti di natura bancaria e finanziaria, Giudici e parti in causa.

L’ASSOCTU, in collaborazione con l’ASSOCTP, presenta un corso di formazione che affronterà problematiche tecnico-giuridiche relative all’anatocismo bancario, gli interessi ultralegali, l’usura bancaria, le commissioni di massimo scoperto e le nuove commissioni di affidamento.

Dopo contrastanti pronunce giudiziali, a partire dal ‘99 la Corte di Cassazione ha dichiarato l’anatocismo trimestrale del tutto illegittimo.

Tuttavia, nel 2000, con Delibera CICR 9/2/00, l’applicazione dell’anatocismo trimestrale è diventata legittima, purché risulti uniforme la periodicità degli interessi a debito e a credito. Ad oggi, pur sembrando tutto così definito, numerose vertenze interessano tale forma di capitalizzazione, facendo emettere sul territorio nazionale sentenze del tutto discordanti.

Gli interessi ultralegali trovano disciplina nell’art. 1284 c.c., il quale richiede, per la loro validità, la determinazione per iscritto, pena il computo degli stessi nella misura legale. Per di più sono affette da invalidità quelle clausole che non prevedono la determinazione dei tassi di interesse e di ogni altro prezzo e condizione e/o che rinviano, per il calcolo del tasso di interesse, agli usi su piazza. In tale circostanza, a norma dell’art. 117 T.U.B. (D. Lgs. 1 settembre ‘93, n. 385), si rendono applicabili i tassi BOT.

L’usura bancaria è emersa quando la L. 108/96 ha introdotto il limite oltre il quale gli interessi

sono considerati usurari e se contrattualmente convenuti la clausola, ai sensi dell’art. 1815 c.c., è nulla. Il corso affronterà tale argomento analizzando l’art. 644 c.p. e il criterio di calcolo previsto dalla Banca d’Italia, evidenziando i relativi aspetti tecnici e le varie problematiche giuridiche.

La C.M.S. nel corso del tempo si è sostanzialmente discostata dalla tradizionale nozione di provvigione per la messa a disposizione delle somme, per assumere, di fatto, le caratteristiche proprie di una remunerazione aggiuntiva al tasso di interesse. Recentemente dette commissioni sono stato oggetto di due disposti normativi che ne hanno sostanzialmente modificato la natura e le modalità di applicazione. Il corso affronterà la problematica connessa con le C.M.S. e le criticità, sia tecniche che giuridiche, sollevate nell’applicazione delle nuove norme.




Siti di interesse
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading